Amenorrea

Amenorrea

L’amenorrea è l’assenza di mestruazioni (perdita di uno o più periodi mestruali) Le donne che hanno perso almeno tre cicli mestruali consecutivi hanno l’amenorrea.

La causa più comune dell’amenorrea è la gravidanza. Altre cause di questa malattia sono i problemi degli organi riproduttivi o delle ghiandole che aiutano a regolare i livelli ormonali. Il trattamento della malattia di base, spesso risolve l’amenorrea.

Sintomi dell’amenorrea

Il sintomo principale dell’amenorrea è l’assenza dei periodi mestruali. A seconda della causa dell’ amenorrea, potrebbero verificarsi altri segni o sintomi, come ad esempio:

  • Scarico di latte dal capezzolo
  • La perdita dei capelli
  • Mal di testa
  • Cambiamenti della vista
  • L’eccesso di peli sul viso

Quando è consigliato vedere un medico

Consultate il medico se avete perso almeno tre cicli mestruali consecutivi o se non avete mai avuto un periodo mestruale e avete 16 anni o più.

Cause dell’amenorrea

L’amenorrea può verificarsi per una serie di motivi. Alcuni fanno parte del normale corso della vita di una donna, mentre altri possono essere un effetto collaterale di farmaci o di altri problemi medici.

Amenorrea naturale

Durante il normale corso della vita, una donna può sperimentare l’amenorrea per motivi naturali, come ad esempio:

  • Gravidanza
  • Allattamento
  • Menopausa

Contraccettivi

Alcune donne che prendono la pillola anticoncezionale non possono avere i periodi mestruali. Quando i contraccettivi orali vengono interrotti, potrebbero essere necessari 3-6 mesi prima che l’ovulazione riprenda e si abbiano di nuovo le mestruazioni regolari. I contraccettivi che vengono iniettati o impiantati anche possono causare l’amenorrea, così come alcuni tipi di dispositivi intrauterini.

Farmaci

Alcuni farmaci possono causare l’interruzione dei periodi mestruali, tra cui alcuni tipi di:

  • Antipsicotici
  • Farmaci per la chemioterapia del cancro
  • Antidepressivi
  • Farmaci per la pressione del sangue

Stile di vita

Stress. Lo stress mentale può alterare temporaneamente il funzionamento del vostro ipotalamo (zona del cervello che controlla gli ormoni che regolano il ciclo mestruale). L’ovulazione e le mestruazioni possono smettere il loro normale ciclo. I cicli mestruali regolari di solito, riprendono la normalità dopo che lo stress diminuisce.
Basso peso corporeo. Un peso eccessivamente basso interrompe molte funzioni ormonali del corpo, potenzialmente può bloccare l’ovulazione. Le donne che hanno un disturbo alimentare, come l’anoressia o la bulimia, spesso smettono di avere i periodi a causa di questi cambiamenti ormonali anomali.
Eccessivo esercizio fisico. Le donne che partecipano a sport che richiedono una formazione fisica rigorosa, come il balletto, la corsa a lunga distanza o la ginnastica, possono avere l’interruzione del loro ciclo mestruale. Diversi fattori concorrono a contribuire alla perdita dei periodi mestruali negli atleti, tra cui il poco grasso corporeo, lo stress e l’alto dispendio energetico.

Lo squilibrio ormonale

Molti tipi di problemi di salute possono causare uno squilibrio ormonale, tra cui:

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). La PCOS provoca livelli relativamente elevati e prolungati di ormoni, rispetto ai livelli normali presenti nel ciclo mestruale.
Malfunzionamento della tiroide. L’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo, possono causare irregolarità mestruali, inclusa l’amenorrea.
Tumore pituitario. Un tumore benigno presente nella ghiandola pituitaria, può interferire con la regolazione ormonale del ciclo mestruale.
La menopausa precoce. La menopausa si verifica di solito tra le età di 45 e 55 anni, In alcune donne, la fornitura ovarica diminuisce prima dei 40 anni, e così, interrompe le mestruazioni.

Problemi strutturali

I problemi con gli organi sessuali stessi, possono causare l’amenorrea. Gli esempi includono:

Cicatrici uterine. La sindrome di Asherman, una condizione in cui il tessuto cicatriziale si accumula nel rivestimento dell’utero, a volte può verificarsi dopo una dilatazione e un raschiamento, dopo un taglio cesareo o dopo un trattamento per i fibromi uterini. Le cicatrici uterine, impediscono l’accumulo normale e lo spargimento del rivestimento uterino.
La mancanza degli organi riproduttivi. A volte i problemi sorgono durante lo sviluppo fetale, che portano una ragazza a nascere senza una parte importante del suo sistema riproduttivo, come ad esempio l’utero, la cervice o la vagina. Poiché il suo sistema riproduttivo non si sviluppa normalmente, la ragazza  non avrà i cicli mestruali.
Anomalia strutturale della vagina. L’ostruzione della vagina può prevenire il sanguinamento mestruale. Una membrana o una parete possono essere presenti nella vagina, bloccando il deflusso di sangue dall’utero e dalla cervice.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio per l’amenorrea possono includere:

La storia di famiglia. Se altre donne della vostra famiglia hanno sperimentato ‘amenorrea, potreste avere ereditato una predisposizione per questo problema.
Disturbi alimentari. Se si dispone di un disturbo alimentare, come l’anoressia o la bulimia, sarete più a rischio di sviluppare l’amenorrea.
Preparazione atletica. La preparazione atletica rigorosa può aumentare il rischio di sviluppare l’amenorrea.

Complicazioni dell’amenorrea

Le complicazioni dell’amenorrea possono includere:

Infertilità. Se non ovulate e se non avete periodi mestruali, non potete rimanere incinta.
Osteoporosi. Se la vostra amenorrea è causata da livelli bassi di estrogeni, potreste anche essere a rischio di contrarre l’osteoporosi.

Diagnosi dell’amenorrea

Durante la visita, il medico eseguirà un esame pelvico per verificare eventuali problemi con i vostri organi riproduttivi. Se non avete mai avuto un periodo mestruale, il medico potrà esaminare il seno e gli organi genitali per vedere se state avendo i normali cambiamenti della pubertà. L’amenorrea può comprendere un insieme complesso di problemi ormonali. Trovare la causa di fondo può richiedere molto tempo e può richiedere più di un tipo di test.

Le prove di laboratorio

Una serie di esami del sangue possono essere necessari, tra cui:

Test di gravidanza. Questo sarà probabilmente il primo test il medico suggeritovi, per escludere o confermare una possibile gravidanza.
Test di funzionalità tiroidea. Misurare la quantità di ormone stimolante della tiroide (TSH) nel sangue, può determinare se la vostra tiroide funziona correttamente.
Test di funzionalità dell’ovaio. Misurare la quantità di ormone follicolo-stimolante (FSH) nel sangue può determinare se le ovaie funzionano correttamente.
Test dell’ormone maschile. Se state avendo un aumento della peluria nel viso e una voce più bassa, il medico potrebbe voler controllare il livello degli ormoni maschili, presenti nel sangue.

Test ormonale

Per questo test, si prende un farmaco ormonale per sette o dieci giorni di tempo, per far innescare il sanguinamento mestruale. I risultati di questa prova possono mostrare al medico se i vostri periodi si sono fermati a causa della mancanza di estrogeni.

Test di imaging

A seconda dei segni e sintomi  (e dal risultato di eventuali esami del sangue), il medico potrebbe consigliarvi uno o più test di imaging, tra cui:

Ultrasuoni. Questo test indolore utilizza le onde sonore per produrre immagini degli organi interni. Se non avete mai avuto un periodo mestruale, il medico può suggerirvi un esame ecografico per vedere se tutti i vostri organi riproduttivi siano presenti.
La tomografia computerizzata (CT). La TAC combina molte radiografie scattate da diverse direzioni, per creare viste in sezione trasversale delle strutture interne. Una TC può indicare se il vostro utero, le  ovaie e i reni, sembrano normali.
La risonanza magnetica (RM). La RM utilizza onde radio con un forte campo magnetico per produrre immagini eccezionalmente dettagliate dei tessuti molli all’interno del corpo. Il medico può ordinare una risonanza magnetica per verificare la presenza di un tumore ipofisario.

Prove di Scope

Se i test non rivelano alcuna causa specifica, il medico può raccomandare una isteroscopia, cioè un test in cui una sottile telecamera accesa viene fatta passare attraverso la vagina e la cervice per avere una visione d’insieme dell’interno del vostro utero.

Terapia e cura dell’amenorrea

Il trattamento dipende dalla causa sottostante alla vostra amenorrea. In alcuni casi, le pillole contraccettive possono riavviare il ciclo mestruale. L’amenorrea causata da disturbi della tiroide o dell’ipofisi, può essere trattata con i farmaci. Se un blocco tumorale o strutturale è la causa del problema, l’intervento chirurgico può essere necessario.

Rimedi alternativi

Alcuni fattori legati allo stile di vita, possono causare l’amenorrea, quindi è importante trovare un equilibrio psico fisico nella vita quotidiana. Valutate le aree di stress e di conflitto presenti nella vostra vita. Se non è possibile ridurre lo stress da soli, chiedete aiuto ai familiari, agli amici o al vostro medico.

Siate consapevoli dei cambiamenti del vostro ciclo mestruale e consultate il medico se avete preoccupazioni a riguardo. Annotate su un quaderno, quando si verificano i vostri periodi mestruali. Annotate la data di inizio del periodo, quanto tempo dura e tutti i sintomi fastidiosi che si verificano.