Colecistite

Colecistite

La colecistite è l’infiammazione della cistifellea. La cistifellea è un piccolo organo a forma di pera situato sul lato destro del vostro addome, appena sotto il fegato. La cistifellea contiene un liquido digestivo chiamato bile, che viene rilasciato nel vostro intestino tenue.

Nella maggior parte dei casi, la colecistite è causata dai calcoli biliari che ostruiscono il tubo collegato alla cistifellea. Ciò provoca un accumulo della bile che può causare l’infiammazione. Altre cause della colecistite includono problemi del dotto biliare e tumori.

Se non trattata, la colecistite può portare a gravi complicazioni, come ad esempio un allargamento della colecisti o la sua rottura. Una volta diagnosticata, la colecistite richiede una degenza in ospedale. Il trattamento per la colecistite spesso comprende la rimozione della colecisti.

Sintomi della colecistite

I sintomi della colecistite possono includere:

  • Grave, dolore costante nella parte superiore destra dell’addome
  • Dolore che si irradia dal vostro addome per la spalla destra o alla schiena
  • Tenerezza sull’addome quando viene toccato
  • Sudorazione
  • Nausea
  • Vomito
  • Febbre
  • Brividi
  • Gonfiore addominale

I sintomi della colecistite di solito si verificano dopo un pasto, in particolare di un pasto di grandi dimensioni o dopo un pasto ad alto contenuto di grassi.

Quando è consigliato vedere un medico

Fissate un appuntamento con il vostro medico se avete qualsiasi sintomo che vi preoccupa. Il dolore addominale che è così grave che potete stare fermi, è una situazione di emergenza, fate in modo di avere qualcuno che vi porti al pronto soccorso.

Cause della colecistite

La colecistite si verifica quando la cistifellea si infiamma. L’infiammazione della colecisti può essere causata da:

Calcoli biliari. La stragrande maggioranza dei casi di colecistite, sono il risultato dei calcoli biliari che ostruiscono il dotto cistico (il tubo attraverso il quale scorre la bile quando lascia la colecisti), provocandone l’aumento  e quindi, una conseguente infiammazione della colecisti.
Tumore. Un tumore può impedire alla bile di defluire dalla cistifellea correttamente, causando l’accumulo della bile che può portare alla colecistite.
Ostruzione del condotto della bile. L’attorcigliamento o la cicatrizzazione dei dotti biliari può causare blocchi che portano alla colecistite.

Fattori di rischio

I seguenti fattori possono aumentare il rischio per la colecistite:

Calcoli biliari. La maggior parte dei casi di colecistite sono legati a calcoli biliari. Se si dispone di questa condizione, sarete ad alto rischio per lo sviluppo della colecistite.
Essere di sesso femminile. Le donne hanno un maggior rischio per i calcoli biliari rispetto agli uomini. Questo rende le donne più a rischio di sviluppare la colecistite.
L’aumentare dell’età. Invecchiando, il rischio di avere i calcoli biliari aumenta, così come il rischio per la colecistite.

Complicazioni della colecistite

La colecistite può portare a una serie di complicazioni gravi, tra cui:

Cistifellea allargata. Se la vostra cistifellea si infiamma a causa dell’accumulo della bile, può allungarsi e ingrossarsi oltre la sua dimensione normale, il che può causare dolore e aumentare il rischio di una rottura (perforazione) della vostra cistifellea, così come l’infezione e la morte dei tessuti.
L’infezione all’interno della cistifellea. Se la bile si accumula all’interno della vostra cistifellea, causando la colecistite, può infettarsi.
Morte del tessuto della cistifellea. La colecistite non trattata, può causare la morte del tessuto della cistifellea (cancrena), che a sua volta può portare a una sua rottura o può causarne lo scoppio.
Cistifellea Torn. Una lacrima (perforazione) nella vostra cistifellea può essere causata da una colecisti allargata o infetta che si verifica come conseguenza della colecistite.

Diagnosi della colecistite

I test e le procedure utilizzate per la diagnosi della colecistite comprendono:

Gli esami del sangue. Il medico potrebbe prescriverle le analisi del sangue per cercare i segni di un’infezione alla cistifellea.
Test di imaging che mostrano la vostra cistifellea. I test di imaging, come l’ecografia addominale o una tomografia computerizzata (TC), possono essere utilizzati per creare immagini della vostra cistifellea che possono rivelare i segni della colecistite.
Una scansione che mostra il movimento della bile attraverso il vostro corpo. Una scansione dell’acido imminodiacetico epatobiliare (HIDA), traccia la produzione e il flusso della bile dal fegato al piccolo intestino e mostra se la bile è bloccata in qualsiasi punto del percorso. Una scansione HIDA comporta l’iniezione di una sostanza chimica radioattiva nel vostro corpo. La sostanza chimica si lega alle cellule che producono la bile, quindi può essere chiaramente vista quando viaggia con essa attraverso le vie biliari.

Terapia e cura della colecistite

Il trattamento per la colecistite solito comporta una permanenza in ospedale per stabilizzare l’infiammazione della vostra cistifellea. Una volta che la vostra colecistite è sotto controllo, il medico può raccomandarvi un intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea, poichè la colecistite ricorre frequentemente. In situazioni di emergenza, come ad esempio una rottura della colecisti, la chirurgia può essere richiesta immediatamente.

Ricovero

Se siete stati diagnosticati con un caso di colecistite, verrete ricoverati in ospedale. Il medico controllerà i vostri sintomi per controllare l’infiammazione della vostra cistifellea. I trattamenti possono includere:

Digiuno. Non potrete mangiare o bere in un primo momento, al fine di non causare stress alla cistifellea infiammata. Per non diventare disidratati, è possibile ricevere i liquidi per via endovenosa.
Gli antibiotici per combattere le infezioni. Se la vostra colecistite è causata da un’infezione o se ha causato un’infezione nella vostra cistifellea, il medico può raccomandare l’uso degli antibiotici per curare l’infezione.
Farmaci per il dolore. È possibile ricevere dei farmaci per curare il dolore ed aiutare a controllarlo, fino a quando l’infiammazione della vostra cistifellea è guarita.

I vostri sintomi possono cominciare ad alleviarsi in un giorno o due, dopo che siete stati ricoverati in ospedale.

Intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea

Siccome la colecistite ricorre spesso, la maggior parte delle persone con una diagnosi di colecistite, hanno bisogno di un intervento chirurgico per la rimozione della colecisti (colecistectomia). Quando vi sentite meglio, il medico può raccomandarvi la colecistectomia. Quando verrete sottoposti ad un intervento chirurgico, dipende dalla vostra situazione. Se disponete di complicazioni della colecistite, come la cancrena o la perforazione della vostra cistifellea, potrebbe essere necessario dover subire un intervento chirurgico.

La colecistectomia è più comunemente eseguita utilizzando una minuscola videocamera montata all’estremità di un tubo flessibile. Questo permette al chirurgo di vedere all’interno del vostro addome e di utilizzare strumenti chirurgici speciali per rimuovere la colecisti (colecistectomia laparoscopica). Gli strumenti e le telecamere vengono inseriti attraverso quattro incisioni nell’addome.

Una volta che la vostra cistifellea viene rimossa, la bile fluisce direttamente dal fegato nel vostro intestino tenue, invece di stazionare nella cistifellea. Non è necessaria la presenza della cistifellea per vivere e la rimozione della colecisti non influenza la capacità di digerire il cibo, anche se ciò può causare diarrea, che di solito è temporanea.

Prevenzione della colecistite

Poiché la maggior parte dei casi di colecistite sono causati dai calcoli biliari, è possibile ridurre il rischio per questa condizione, prendendo le seguenti misure per prevenire i calcoli biliari:

Perdere peso lentamente. Se avete bisogno di perdere peso, fatelo lentamente. La rapida perdita di peso può aumentare il rischio di avere calcoli biliari. Cercate di perdere 0,5 o circa 1 kg a settimana.
Mantenere un peso sano. L’obesità e il sovrappeso aumentano il rischio per i calcoli biliari. Lavorate per raggiungere un peso sano, riducendo il numero di calorie che mangiate e aumentando la quantità dell’ attività fisica. Una volta a raggiunto un peso sano, lavorate per mantenerlo, continuando la vostra dieta sana e continuando ad esercitarvi.
Scegliere una dieta sana. Le diete ricche di grassi e povera di fibre possono aumentare il rischio per i calcoli biliari. Per ridurre il rischio dei calcoli biliari, scegliete una dieta che è ricca di frutta, verdura e cereali integrali.

Bibliografia

  1. Cholecystitis. In: Ferri FF. Ferri’s Clinical Advisor 2012: Instant Diagnosis and Treatment. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2011. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-05610-6..C2009-0-38600-6–TOP&isbn=978-0-323-05610-6&about=true&uniqId=230100505-53. Controllato il 30 Luglio 2013.
  2. Guss DA, et al. Disorders of the liver and biliary tract. In: Marx JA, et al. Rosen’s Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice. 7th ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?about=true&eid=4-u1.0-B978-0-323-05472-0..X0001-1–TOP&isbn=978-0-323-05472-0&uniqId=230019911-17. Controllato il 30 Luglio 2013.
  3. Wang DQH, et al. Gallstone disease. In: Feldman M, et al. Sleisenger & Fordtran’s Gastrointestinal and Liver Disease: Pathophysiology, Diagnosis, Management. 9th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-1-4160-6189-2..X0001-7–TOP&isbn=978-1-4160-6189-2&about=true&uniqId=229935664-2192. Controllato il 30 Luglio 2013.