Epatite C

Epatite C

L’epatite C è un’infezione causata da un virus che attacca il fegato e porta all’infiammazione di quest’organo. La maggior parte delle persone infettate con il virus dell’epatite C (HCV) non ha sintomi. In realtà, la maggior parte delle persone non sa di avere l’infezione da epatite C fino a quando il danno epatico si presenta, decenni più tardi, durante i test medici di routine.

L’epatite C è una delle diverse forme del virus dell’epatite ed è generalmente considerata la più grave. L’epatite C è trasmessa attraverso il contatto con il sangue infetto, più comunemente attraverso gli aghi condivisi durante l’uso delle droghe illegali.

Sintomi dell’epatite C

L’infezione da epatite C, di solito non produce sintomi durante le sue prime fasi. Quando i sintomi si verificano, essi possono includere:

  • Fatica
  • Febbre
  • Nausea o inappetenza
  • Dolori muscolari e articolari
  • Ingiallimento della pelle e bianco negli occhi (ittero)

Quando è consigliato vedere un medico

Fissate un appuntamento con il vostro medico se avete dei sintomi che vi preoccupano.

Cause dell’epatite C

L’infezione da epatite C è causata dal virus dell’epatite C (HCV). Il HCV, si sviluppa quando si entra in contatto con il sangue infetto da questo virus.

Fattori di rischio

Il rischio di contrarre l’infezione da epatite C aumenta se:

  • Siete un operatore sanitario che è stato esposto a del sangue infetto
  • Avete usato droghe illecite
  • Avete l’HIV
  • Avete ricevuto un piercing o un tatuaggio in un ambiente sporco e con l’uso di attrezzature non sterili
  • Avete ricevuto una trasfusione di sangue o un trapianto d’organo prima del 1992
  • Avete ricevuto fattori della coagulazione concentrati prima del 1987
  • Avete avuto trattamenti per emodialisi per un lungo periodo di tempo
  • Vostra madre aveva un’infezione da epatite C, quando vi ha partorito

Complicazioni dell’epatite C

L’infezione da epatite C se continua per molti anni, può causare complicazioni significative come:

Cicatrizzazione del tessuto epatico (cirrosi). Dopo 20 o 30 anni di infezione da epatite C, può verificarsi la cirrosi. Le cicatrici nel fegato rendono difficile il funzionamento di quest’organo.
Il cancro del fegato. Un piccolo numero di persone con l’infezione da epatite C può sviluppare il cancro del fegato.
Insufficienza epatica. Un fegato che viene gravemente danneggiato dall’epatite C può non essere in grado di funzionare in modo adeguato.

Diagnosi dell’epatite C

Lo screening per l’epatite C

I test per l’infezione da epatite C possono aiutare i medici a decidere quale trattamento raccomandarvi oppure quali consigli darvi sui cambiamenti del vostro stile di vita, che potrebbero rallentare il danno epatico.

Le persone che potrebbero voler parlare con i loro medici circa lo screening per l’infezione da epatite C sono:

  • Chiunque abbia mai fatto uso di droghe per iniezione
  • Chiunque con risultati inspiegabili o insoliti dei test per la funzionalità epatica
  • I bambini nati da madri con epatite C
  • Operatori di assistenza sanitaria e del soccorso che sono stati esposti a sangue o a punture accidentali
  • Le persone con emofilia che sono state trattate con fattori della coagulazione prima del 1987
  • Le persone che hanno subito trattamenti di emodialisi a lungo termine
  • Le persone che hanno ricevuto trasfusioni di sangue o trapianti d’organo prima del 1992
  • Partner sessuali di coloro con diagnosi di infezione da epatite C
  • Le persone con infezione da HIV
  • Chiunque sia nato nel periodo 1945-1965

Gli esami del sangue per diagnosticare l’epatite C

Gli esami del sangue possono aiutare a:

  • Determinare se avete il virus dell’epatite C
  • Misurare la quantità di virus dell’epatite C nel sangue (carica virale)
  • Valutare la composizione genetica del virus (genotipo), che consente di determinare le opzioni di trattamento
  • Verificare i campioni di tessuto epatico per determinare la gravità del danno epatico

Il medico può anche raccomandarvi una procedura per rimuovere un piccolo campione di tessuto epatico per le prove di laboratorio. Una biopsia epatica può aiutare a determinare la gravità della malattia e a prendere le decisioni per il trattamento. Nel corso di una biopsia del fegato, il medico inserisce un ago sottile attraverso la pelle e nel vostro fegato e rimuovere un campione di tessuto.

Terapia e cura dell’epatite C

Il trattamento non è sempre necessario
Una diagnosi di infezione da epatite C non significa necessariamente che dobbiate sottoporvi alle cure mediche. Se il medico non vi raccomanda nessun trattamento, verrete sottoposti ad esami del sangue di controllo per monitorare il vostro fegato.

Farmaci antivirali

Le infezione da epatite C vengono trattate con farmaci antivirali destinati a eliminare il virus dal corpo. Il medico può raccomandarvi una combinazione di farmaci presi per diverse settimane.

Durante tutto il trattamento il medico monitorerà la vostra risposta ai farmaci.

I farmaci antivirali possono causare depressione e sintomi simil-influenzali, come la stanchezza, febbre e mal di testa. Alcuni effetti indesiderati possono essere abbastanza gravi, che il trattamento deve essere ritardato o interrotto in alcuni casi.

Il trapianto di fegato

Se il fegato è stato gravemente danneggiato, un trapianto di fegato potrebbe essere un’opzione. Durante un trapianto di fegato, il chirurgo rimuove il fegato danneggiato e lo sostituisce con uno sano. I fegati trapiantati, nella maggior parte provengono da donatori deceduti, anche se un piccolo numero proviene da donatori viventi che donano parte del loro fegato.

Per le persone con un infezione da epatite C, un trapianto di fegato non è una cura. Il trattamento con i farmaci antivirali continua di solito anche dopo un trapianto di fegato, in quanto c’è un rischio che l’infezione da epatite C si presenti anche sul nuovo fegato.

Vaccinazioni per la protezione contro le altre forme di epatite virale

Il medico probabilmente vi consiglierà di ricevere i vaccini contro l’epatite A e B. Questi sono i virus che possono anche causare danni al fegato e complicare il trattamento dell’epatite C.

Rimedi alternativi

Se si riceve una diagnosi di epatite C, il medico potrebbe consigliarvi alcuni cambiamenti dello stile di vita. Queste misure contribuiranno a mantenervi in buona salute più a lungo e anche tutelare la salute delle altre persone:

Smettere di bere alcolici. L’alcol accelera la progressione della malattia epatica.
Evitare farmaci che possono causare danni al fegato. Rivedete i farmaci con il medico, compresi quelli senza prescrizione. Il medico può raccomandarvi di evitare alcuni farmaci.
Impedire ad altre persone di entrare in contatto con il vostro sangue. Coprite tutte le ferite che avete e non condividete rasoi o spazzolini da denti. Non donate sangue, organi del corpo o lo sperma.

Nessun trattamento di medicina complementare o alternativa ha dimostrato di essere utile nella prevenzione o nel trattamento dell’epatite C.

Una pianta che può curare alcune condizione del fegato è il cardo mariano. I fautori del cardo mariano raccomandano l’erba per il trattamento di ittero e per altri disturbi del fegato. La gente prende il cardo mariano sotto forma di una capsula, di estratto o per infusione.

Se siete interessati a provare il cardo mariano, discutete i vantaggi e i rischi con il vostro medico.

Prevenzione dell’epatite C

Proteggetevi dal virus dell’epatite C adottando le seguenti precauzioni:

Smettere di usare droghe. Se si utilizzano droghe, cercare aiuto per smettere.
Siate cauti nel farvi fare piercing e tatuaggi. Se si sceglie di farsi fare piercing o tatuaggi, cercate un negozio affidabile.

Praticare il sesso sicuro. Non impegnatevi in rapporti sessuali non protetti con partner multipli o con qualsiasi partner il cui stato di salute è incerto. La trasmissione sessuale tra le coppie monogame si può verificare, ma il rischio è minore.

Bibliografia

  1. Mandell GL, et al. Mandell, Douglas, and Bennett’s Principles and Practice of Infectious Diseases. 7th ed. Philadelphia, Pa.: Churchill Livingstone Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?about=true&eid=4-u1.0-B978-0-443-06839-3..X0001-X–TOP&isbn=978-0-443-06839-3&uniqId=230100505-57. Controllato il 14 Agosto 2013.
  2. Diagnosis, management and treatment of hepatitis C: An update. Alexandria, Va.: American Association for the Study of Liver Disease. http://www.aasld.org/practiceguidelines/Pages/guidelinelisting.aspx. Controllato il 14 Agosto 2013.
  3. Hepatitis C FAQs for the public. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/hepatitis/C/cFAQ.htm. Controllato il 14 Agosto 2013.
  4. Feldman M, et al. Sleisenger & Fordtran’s Gastrointestinal and Liver Disease: Pathophysiology, Diagnosis, Management. 9th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-1-4160-6189-2..X0001-7–TOP&isbn=978-1-4160-6189-2&about=true&uniqId=229935664-2192. Controllato il 14 Agosto 2013.
  5. CAM and hepatitis C: A focus on herbal supplements. National Center for Complementary and Alternative Medicine. http://nccam.nih.gov/health/hepatitisc/hepatitiscfacts.htm. Controllato il 14 Agosto 2013.
  6. Centers for Disease Control and Prevention, et al. Recommendations for the identification of chronic hepatitis C virus infection among persons born during 1945-1965. MMWR. 2012;61:1. http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/rr6104a1.htm?s_cid=rr6104a1_w. Controllato il 14 Agosto 2013.
  7. An update on treatment of genotype 1 chronic hepatitis C virus infection: 2011 practice guideline by the American Association for the Study of Liver Diseases. Alexandria, Va.: American Association for the Study of Liver Disease. http://www.aasld.org/practiceguidelines/Pages/guidelinelisting.aspx. Controllato il 14 Agosto 2013.