Gastrite

Gastrite

La gastrite indica un gruppo di condizioni che hanno in comune l’infiammazione del rivestimento dello stomaco. Questa infiammazione è spesso il risultato delle infezione dello stesso batterio che provoca le ulcere gastriche. Tuttavia, altri fattori, come l’infortunio, l’uso regolare di alcuni antidolorifici o bere troppo alcool, possono anche contribuire a causare la gastrite.

La gastrite può verificarsi all’improvviso (gastrite acuta), oppure può formarsi lentamente nel tempo (gastrite cronica). In alcuni casi, la gastrite può portare alle ulcere e ad un aumentato del rischio per il cancro allo stomaco. Per la maggior parte delle persone, tuttavia, la gastrite non è grave e migliora rapidamente con il trattamento.

Sintomi della gastrite

I sintomi della gastrite comprendono:

  • Un dolore bruciore nel vostro addome superiore, che può peggiorare con il mangiare
  • Nausea
  • Vomito
  • Una sensazione di pienezza nell’addome superiore dopo aver mangiato

La gastrite, non sempre causa sintomi.

Quando è consigliato vedere un medico

Quasi tutte le persona hanno sperimentato un attacco di indigestione e di irritazione dello stomaco. La maggior parte dei casi di indigestione sono di breve durata e non richiedono le cure mediche. Ma se si manifestano i sintomi della gastrite costantemente per una settimana o più, consultate il medico. Non dimenticate di dire al vostro medico se si verificano problemi di stomaco dopo l’assunzione di alcuni farmaci da prescrizione o senza ricetta medica, in particolare l’aspirina o altri antidolorifici.

Se avete episodi di vomito con sangue, avete sangue nelle feci o le feci appaiono di colore nero, consultate il medico per determinare la causa.

Cause della gastrite

La gastrite di solito si sviluppa quando lo strato protettivo del vostro stomaco si indebolisce o si danneggia. Una barriera di muco, protegge la parete dello stomaco dagli acidi che aiutano a digerire il cibo. Le carenze o alterazioni della barriera consentono ai succhi digestivi di danneggiare e infiammare le pareti dello stomaco. Un certo numero di malattie e condizioni, possono rendere lo strato protettivo del vostro stomaco vulnerabile e aumentare il rischio per la gastrite.

La gastrite può verificarsi improvvisamente o svilupparsi nel corso di settimane e mesi:

La gastrite acuta è un’infiammazione dello stomaco che si sviluppa rapidamente e dura per un breve periodo di tempo.
La gastrite cronica invece, si sviluppa gradualmente e può durare per un periodo prolungato di tempo.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio per la gastrite comprendono:

Infezione batterica. Le persone con un’infezione da Helicobacter pylori, possono sperimentare la gastrite cronica. Si pensa che la metà della popolazione mondiale sia infettata da questo batterio, trasmissibile da persona a persona. Ma la maggior parte delle persone infette non presentano complicanze dovute dall’infezione da H. pylori. In alcune persone, H. pylori può abbattere il rivestimento protettivo interno dello stomaco, causando dei cambiamenti in esso. Il motivo per cui solo alcune persone sperimentano complicazioni dall’infezione di H. pylori, non è chiaro. Tuttavia, i medici ritengono che la vulnerabilità al batterio potrebbe essere ereditabile o potrebbe essere causata dagli stili di vita, come il fumo e gli alti livelli di stress.
L’uso regolare di antidolorifici. Gli antidolorifici comuni, come l’aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e naproxene (Aleve, Anaprox), possono provocare sia la gastrite acuta che la gastrite cronica. L’utilizzo regolare di questi antidolorifici o le alti dosi di questi farmaci, può ridurre una sostanza chiave che aiuta a preservare il rivestimento protettivo dello stomaco. I problemi di stomaco, hanno meno probabilità di svilupparsi, se si prendono occasionalmente gli antidolorifici.
L’età avanzata. Gli anziani hanno un aumento del rischio per la gastrite, poiché il rivestimento dello stomaco tende a diradarsi con l’età oltre che avere maggiori probabilità di contrarre l’infezione da H. pylori e malattie autoimmuni.
Uso eccessivo di alcol. L’alcol può irritare e corrodere le pareti dello stomaco, il chè, lo rende più vulnerabile ai succhi digestivi. L’uso eccessivo di alcol può causare la gastrite acuta.
Stress. Lo stress grave causato da un intervento chirurgico, lesioni, ustioni o gravi infezioni, può causare la gastrite acuta.
Malattia da reflusso biliare. La bile (una sostanza che aiuta a digerire i grassi), è prodotta nel fegato e conservata nella cistifellea. Quando esce dalla cistifellea, la bile si reca al vostro piccolo intestino attraverso una serie di tubi sottili. Normalmente, un muscolo sfintere (valvola pilorica), impedisce alla bile di fluire nel vostro stomaco dal piccolo intestino. Ma se questa valvola non funziona correttamente o se è stata rimossa chirurgicamente, la bile può fluire nel vostro stomaco, causando la gastrite.
Il vostro corpo attacca le cellule dello stomaco. Chiamata gastrite autoimmune, questo tipo di gastrite si verifica quando il corpo attacca le cellule che compongono le pareti dello stomaco. Questo produce una reazione da parte del sistema immunitario che può eliminare la barriera protettiva del vostro stomaco. La gastrite autoimmune si forma di solito, nelle persone con altre malattie autoimmuni, tra cui la malattia di Hashimoto e il diabete di tipo 1. La gastrite autoimmune può anche essere associata alla carenza della vitamina B-12.
Altre malattie e condizioni. La gastrite può essere associata ad altre condizioni mediche, tra cui l’HIV / AIDS, la malattia di Crohn e le infezioni parassitarie.

Complicazioni della gastrite

Se non curata, la gastrite può portare alla formazione delle ulcere allo stomaco e causare il sanguinamento dello stomaco. Alcune forme di gastrite cronica possono aumentare il rischio per il cancro allo stomaco, soprattutto se avete un ampio assottigliamento del rivestimento dello stomaco e avete dei cambiamenti nelle cellule del rivestimento.

Avvisate il medico se i sintomi non migliorano, nonostante il trattamento per la gastrite.

Diagnosi della gastrite

Anche se il medico sospetta che abbiate la gastrite dopo che ha parlato con voi ,circa la vostra storia medica e dopo aver fatto un esame approfondito, potrà sottoporvi ad altre prove per individuare la causa esatta della vostra condizione. Questi test includono:

I test per H. pylori. Il medico può raccomandarvi dei test per determinare se il batterio H. pylori è presente nel vostro corpo. Quale tipo di test dovrete effettuare dipende dalla vostra situazione. H. pylori può essere rilevato tramite un esame del sangue, un esame delle feci o un test del respiro. Per il test del respiro, berrete un bicchierino di liquido chiaro, insapore che contiene carbonio radioattivo. H. pylori si rompe il liquido di prova nel vostro stomaco. Più tardi, dovrete soffiare in un sacchetto, che viene poi sigillato. Se siete stati infettati da H. pylori, il vostro campione di respiro conterrà il carbonio radioattivo.
Utilizzare l’endoscopia per esaminare il vostro sistema digestivo superiore. Durante l’endoscopia, il medico userà un tubo cavo dotato di una lente (endoscopio) e lo farà entrare nella gola e nell’esofago, nello stomaco e fino all’intestino tenue. Utilizzando l’endoscopio, il medico cercherà i segni dell’infiammazione. Se una zona sospetta viene trovata, il medico potrà rimuovere dei campioni di piccole dimensioni di tessuto (biopsia), per l’esame di laboratorio. Una biopsia può anche identificare la presenza di H. pylori nel vostro rivestimento dello stomaco.
Raggi X del vostro sistema digestivo superiore. A volte chiamati serie gastrointestinale superiore, questa serie di raggi X crea immagini del vostro esofago, stomaco e dell’intestino tenue per cercare le anomalie. Durante la radiografia, inghiottirete un liquido bianco metallizzato (contenente bario) che ricopre il tubo digerente e rende l’ulcera più visibile.

Terapia e cura della gastrite

Il trattamento per la gastrite dipende dalla causa specifica. La gastrite acuta causata dai FANS o dall’alcol può essere curata interrompendo l’uso di queste sostanze. La gastrite cronica causata dall’infezione da H. pylori è trattata per sradicare i batteri. La maggior parte dei piani di trattamento della gastrite incorporano anche l’uso dei farmaci i quali curano l’acidità di stomaco, al fine di ridurre i sintomi e promuovere la guarigione nel vostro stomaco.

I farmaci usati per il trattamento della gastrite comprendono:

Farmaci antibiotici per uccidere H. pylori. Se H. pylori si trova nel vostro tratto digestivo, il medico può raccomandarvi una combinazione di antibiotici per uccidere il batterio. Gli antibiotici prescritti, sono diversi in tutto il mondo. Negli Stati Uniti ad esempio, gli antibiotici prescritti per il trattamento di H. pylori sono amoxicillina, claritromicina (Biaxin), metronidazolo (Flagyl) e tetraciclina. Avrete probabilmente bisogno di prendere gli antibiotici per due settimane, a seconda del loro tipo e numero.
I farmaci che bloccano la produzione di acido e promuovono la guarigione. La pompa protonica riduce l’acido bloccando l’azione delle cellule che lo producono. Questi farmaci comprendono quelli da prescrizione e quelli senza, tra cui l’omeprazolo (Prilosec), lansoprazolo (Prevacid), rabeprazolo (Aciphex), Esomeprazolo (Nexium), dexlansoprazolo (Dexilant) e pantoprazolo (Protonix). L’uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica, specialmente ad alti dosaggi, può aumentare il rischio di avere le fratture dell’anca, del polso e della colonna vertebrale. Chiedete al vostro medico se un supplemento di calcio può ridurre questo rischio.
Farmaci per ridurre la produzione di acido. I farmaci acido bloccanti, anche chiamati istamina (H-2) bloccanti, riducono la quantità di acido rilasciato nel vostro tratto digestivo, alleviando così il dolore e favorendo la guarigione della gastrite. Disponibili con prescrizione medica o senza, i bloccanti dell’acido includono ranitidina (Zantac), famotidina (Pepcid), cimetidina (Tagamet), e nizatidine (Axid).
Gli antiacidi che neutralizzano l’acidità di stomaco. Il medico può includere l’uso di un antiacido nella cura farmacologica. Gli antiacidi neutralizzano l’acidità di stomaco esistente e sono in grado di fornire un rapido sollievo dal dolore. Gli effetti collaterali possono includere la costipazione o la diarrea, a seconda degli ingredienti principali contenuti nei farmaci.

Rimedi alternativi

Si può avere un po’ di sollievo dai sintomi della gastrite se si:

Mangia piccoli ma frequenti pasti. Se frequentemente si verifica l’indigestione, mangiate pasti più piccoli ma più frequenti, per contribuire ad alleviare gli effetti dell’acidità di stomaco.
Evitare i cibi irritanti. Evitate i cibi che irritano lo stomaco, specialmente quelli che sono piccanti, acidi, fritti o grassi.
Bere alcol con moderazione, oppure non berne del tutto. L’uso eccessivo di alcol può irritare la mucosa dello stomaco. Limitatevi a un bicchiere al giorno se siete una donna o due bicchieri al giorno se siete un uomo.
Rivedere l’uso degli antidolorifici. Se si utilizzano gli antidolorifici regolarmente, rivolgetevi al medico, forse  il paracetamolo (Tylenol, altri) può essere un’opzione valida per voi. Questo farmaco ha meno probabilità di aggravare i vostri problemi di stomaco.
Gestire lo stress. Lo stress può peggiorare i sintomi della gastrite. Lo stress può essere inevitabile, ma si può imparare a gestirlo. Se avete problemi con esso, provate le attività come la meditazione, lo yoga o il tai chi.

Prevenzione della gastrite

Prevenite l’infezione da H. pylori
Non è chiaro quanto sia diffuso H. pylori, ma si pensa che si potrebbe diffondere da persona a persona o attraverso il cibo e l’acqua. È possibile adottare misure per proteggersi dalle infezioni di questo batterio, lavandosi frequentemente le mani con acqua e sapone e mangiando cibi ben cotti.

Bibliografia

  1. Lee EL, et al. Gastritis and gastropathies. In: Feldman M, et al. Sleisenger & Fordtran’s Gastrointestinal and Liver Disease: Pathophysiology, Diagnosis, Management. 9th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-1-4160-6189-2..X0001-7–TOP&isbn=978-1-4160-6189-2&about=true&uniqId=229935664-2192. Controllato il 5 Agosto 2013.
  2. Gastritis. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/gastritis/index.htm. Controllato il 5 Agosto 2013.
  3. H. pylori and peptic ulcers. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/hpylori/index.htm. Controllato il 5 Agosto 2013.
  4. Guidelines for the management of dyspepsia. Bethesda, Md.: American College of Gastroenterology. http://www.acg.gi.org/physicians/guidelines/dyspepsia.pdf. Controllato il 5 Agosto 2013.
  5. American College of Gastroenterology guideline on the management of Helicobacter pylori infection. Bethesda, Md.: American College of Gastroenterology. http://www.acg.gi.org/physicians/guidelines/ManagementofHpylori.pdf. Controllato il 5 Agosto 2013
  6. FDA drug safety communication: Possible increased risk of fractures of the hip, wrist and spine with the use of proton pump inhibitors. U.S. Food and Drug Administration. http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/PostmarketDrugSafetyInformationforPatientsandProviders/ucm213206.htm. Controllato il 5 Agosto 2013.