Glaucoma

Glaucoma

Il glaucoma non è solo una malattia degli occhi, ma un gruppo di malattie degli occhi con conseguente danno al nervo ottico, che può causare la perdita della vista. L’alta pressione all’interno dell’occhio (pressione intraoculare) di solito, ma non sempre, provoca tale danno.

Il glaucoma è una delle principali cause di cecità. Il glaucoma può danneggiare la vista in modo graduale quindi, si può non notare alcuna perdita della vista fino a quando la malattia è in fase avanzata. Il tipo più comune di glaucoma, il glaucoma primario ad angolo aperto, non presenta segni evidenti o sintomi, tranne che la perdita della vista graduale.

La diagnosi e il trattamento precoce, può ridurre al minimo o prevenire i danni al nervo ottico e limita la perdita della vista. E’ importante che sottoponiate i vostri occhi a regolari esami. Assicuratevi che il vostro oculista misuri la pressione intraoculare.

Sintomi del glaucoma

I più comuni tipi di glaucoma (primario ad angolo aperto e glaucoma ad angolo chiuso), hanno sintomi completamente diversi.

I sintomi del glaucoma primario ad angolo aperto sono:

  • Perdita progressiva della visione periferica, di solito in entrambi gli occhi
  • Visione a tunnel in fase avanzata

I sintomi del glaucoma acuto ad angolo chiuso includono:

  • Dolore agli occhi
  • Nausea e vomito (che accompagna il dolore oculare)
  • Improvvisa insorgenza dei disturbi visivi, spesso in condizioni di scarsa luminosità
  • Offuscamento della vista
  • Aloni intorno alle luci
  • Arrossamento degli occhi

Il glaucoma ad angolo aperto e quello ad angolo chiuso possono essere condizioni primarie o secondarie. Si chiamano primari quando la causa è sconosciuta e secondari quando la condizione è riconducibile ad una causa nota, come ad esempio lesioni agli occhi, farmaci, alcune malattie degli occhi, infiammazioni, tumori, cataratta avanzata o diabete. Nel glaucoma secondario, i sintomi possono includere quelli della condizione primaria, così come i tipici sintomi del glaucoma.

Quando è consigliato vedere un medico

Non aspettate che i problemi agli occhi diventino evidenti. Il glaucoma primario ad angolo aperto dà pochi segnali di allarme fino a quando non crea un danno permanente. Le visite oculistiche regolari sono la chiave per individuare il glaucoma in tempo per trattarlo con successo e prevenire l’ulteriore progressione della condizione.

Si raccomanda una visita oculistica completa per tutti gli adulti oltre i 40 anni e ogni tre-cinque anni se non si dispone di eventuali fattori di rischio per il glaucoma. Se invece, avete dei fattori di rischio per questa condizione o se avete più di 60 anni, dovreste sottoporvi alle visite ogni uno o due anni. Se siete di origine afro-americana, il medico probabilmente vi consiglierà esami oculistici periodici a partire dai 20 anni.

Inoltre, siate consapevoli del fatto che un forte mal di testa o dolore nel vostro occhio, nausea, visione offuscata o aloni intorno alle luci possono essere i sintomi di un attacco di glaucoma acuto ad angolo chiuso. Se si verificano alcuni o molti di questi sintomi anche insieme, cercate le cure immediate in un pronto soccorso o da un oculista.

Cause del glaucoma

Per ragioni ancora sconosciute, un aumento della pressione all’interno dell’occhio (pressione intraoculare) è di solito, ma non sempre, associata al danno del nervo ottico che caratterizza il glaucoma. Questa pressione è causa di un accumulo di un liquido (umore acqueo) che fluisce dentro e fuori dall’occhio.

Questo fluido normalmente esce dal vostro occhio attraverso un sistema di drenaggio nell’angolo in cui l’iride e la cornea si incontrano. Quando il sistema di drenaggio non funziona correttamente, il fluido non può filtrare il liquido e ciò aumenta la pressione all’interno dell’occhio.

Il glaucoma primario ad angolo aperto

Nel glaucoma primario ad angolo aperto, l’angolo di drenaggio formato dalla cornea e dall’iride rimane aperto, ma i canali di drenaggio (trabecolato) posti nella angolo, sono parzialmente bloccati e causano il rallentamento dello scarico del liquido fuori dall’occhio. Questo fa sì che il fluido rimane nell’occhio e la pressione aumenta gradualmente al suo interno.

I danni al nervo ottico non provocano sintomi o dolore e questo succede così lentamente che è possibile perdere una vasta quantità della vista prima che voi veniate a conoscenza del problema. La causa esatta del glaucoma primario ad angolo aperto rimane sconosciuta.

Glaucoma ad angolo chiuso

Il glaucoma ad angolo chiuso, si verifica quando il diaframma si gonfia in avanti per semplificare o bloccare l’angolo di drenaggio formato dalla cornea e dall’iride. Di conseguenza, il liquido non può fluire fuori dall’occhio in modo adeguato e la pressione oculare può aumentare bruscamente. Il glaucoma ad angolo chiuso di solito si verifica improvvisamente (glaucoma acuto ad angolo chiuso), ma può anche formarsi gradualmente (glaucoma cronico ad angolo chiuso).

Alcune persone con un angolo di drenaggio anormalmente stretto, possono essere a rischio di sviluppare il glaucoma ad angolo chiuso.

Se si dispone di un angolo di drenaggio particolarmente stretto, l’improvvisa dilatazione delle pupille può innescare il glaucoma acuto ad angolo chiuso.

Glaucoma tensione normale

In questa forma, il nervo ottico viene danneggiato. Tuttavia, la pressione oculare rimane entro il range di normalità. I medici non capiscono perché questo accada. Si può avere un nervo ottico sensibile, oppure può accadere che meno sangue venga fornito al nervo ottico. Questa mancanza di afflusso sanguigno può essere causata dall’aterosclerosi (un accumulo di depositi di grasso (placche) nelle arterie) o da un’altra condizione che limita la circolazione sanguigna.

Sviluppo del glaucoma

Alcuni neonati o bambini possono avere una diagnosi di glaucoma. Raramente, alcuni bambini possono nascere con il glaucoma (glaucoma congenito), sviluppare il glaucoma nei primi anni di vita (glaucoma infantile) o svilupparlo dopo i 4 o 5 anni (glaucoma giovanile). I bambini di solito non hanno alcun sintomo. Tuttavia, essi hanno il nervo ottico danneggiato, il quale può essere causato dai blocchi angolari o da malformazioni (glaucoma infantile primario) oppure potrebbe svilupparsi come risultato di altre condizioni (glaucoma secondario).

Glaucoma pigmentario

Nel glaucoma pigmentario, i granuli di pigmento della vostra iride si accumulano nei canali di drenaggio (trabecolare), rallentando o bloccando il fluido che esce dall’occhio. Le attività fisiche, come il jogging, a volte suscitano il deposito dei granuli di pigmento, causando innalzamenti della pressione all’interno dell’occhio.

Fattori di rischio

Poiché le forme croniche del glaucoma possono distruggere la visione prima che eventuali sintomi si manifestino, essere a conoscenza di questi fattori può essere utile per voi:

Elevata pressione all’interno dell’occhio (pressione intraoculare). Se la pressione interna dell’occhio (pressione intraoculare) è superiore al normale, si è ad aumentato rischio di sviluppare il glaucoma, anche se non tutte le persone con la pressione intraoculare elevata sviluppa questa malattia.
Età. Avrete un più alto rischio di sviluppare il glaucoma, se avete di 60 anni, in particolare se siete di origine messicano-americana. Potreste essere a più alto rischio di sviluppare il glaucoma ad angolo chiuso, se siete di età superiore ai 40 anni. Per alcuni gruppi  di persone come quelle di origine afroamericana, tuttavia, il rischio di sviluppare il glaucoma è molto più alto e si verifica in età più giovane rispetto a quella di altre persone di origine diversa. Se siete afro-americani, rivolgatevi al medico per sapere quando dovreste iniziare ad avere regolari visite oculistiche complete.
Etnia. Gli afro-americani di età superiore ai 40 anni hanno un rischio molto più elevato di sviluppare il glaucoma rispetto alle persone caucasiche.Gli afro-americani sono anche più propensi a sperimentare la cecità permanente come conseguenza del glaucoma. Le persone di origine asiatica hanno un aumentato rischio di sviluppare un glaucoma acuto ad angolo chiuso. Le persone di origine giapponese possono avere più probabilità di avere il glaucoma a tensione normale.
Storia familiare di glaucoma. Se avete una storia familiare di glaucoma, avrete un maggiore rischio di svilupparlo. Il glaucoma può avere un collegamento genetico, cioè vi è un difetto in uno o più geni che possono rendere alcuni individui più suscettibili alla malattia. Una forma di glaucoma giovanile ad angolo aperto è stato chiaramente ricondotto alle anomalie genetiche.
Condizioni mediche. Diverse condizioni possono aumentare il rischio di sviluppare il glaucoma, tra cui il diabete, malattie del cuore, pressione alta e l’ipotiroidismo.
Altre malattie degli occhi. Le lesioni oculari gravi possono causare un aumento della pressione oculare. Altre condizioni oculari che potrebbero causare un aumento del rischio del glaucoma includono tumori oculari, distacco della retina, infiammazione oculare e dislocazione della lente. Alcuni tipi di chirurgia oculare possono anche innescare il glaucoma. Inoltre, l’essere miope o presbite, può aumentare il rischio di sviluppare il glaucoma.
L’impiego di corticosteroidi a lungo termine. Utilizzare farmaci corticosteroidi, specialmente i colliri per un lungo periodo di tempo, può aumentare il rischio di sviluppare il glaucoma secondario.

Complicazioni del glaucoma

Se non trattato, il glaucoma provoca la perdita progressiva della vista, normalmente in queste fasi:

  • Punti ciechi nella vostra visione periferica
  • Visione a tunnel
  • Cecità totale

Diagnosi del glaucoma

Il medico esaminerà la vostra storia medica e condurrà un esame completo degli occhi.

Il medico può eseguire diversi test per diagnosticare il glaucoma, tra cui:

Misurazione della pressione intraoculare. La tonometria è una procedura semplice, indolore, che misura la pressione interna dell’occhio (pressione intraoculare), dopo aver intorpidito gli occhi con delle gocce. Di solito è il test di screening iniziale per il glaucoma.
Prova per il danno del nervo ottico. Per verificare la presenza dei danni nel vostro nervo ottico, il vostro oculista utilizza strumenti per osservare direttamente attraverso la pupilla, la parte posteriore del vostro occhio. Questo test, può rivelare piccole variazioni che potrebbero indicare l’inizio del glaucoma.
Test del campo visivo. Per verificare se il campo visivo è stato colpito dal glaucoma, il medico utilizza uno speciale test per valutare la vostra visione periferica.
Acuità visiva. Il medico testerà la vostra capacità di vedere da lontano.
Misura dello spessore corneale (pachimetria). Gli occhi vengono intorpiditi per fare questo test, il quale determina lo spessore della cornea, un fattore importante per la diagnosi del glaucoma. Se si dispone di cornee spesse, la vostra lettura della pressione oculare può essere leggermente più alta del normale, anche se non avete il glaucoma. Allo stesso modo, le persone con le cornee sottili possono avere valori di pressione normali ed essere affetti dal glaucoma.
Altri test. Per distinguere il glaucoma ad angolo aperto dal glaucoma ad angolo chiuso, il vostro oculista potrà ricorrere ad una tecnica chiamata gonioscopia, in cui una lente speciale viene inserita sul vostro occhio per controllare l’angolo di drenaggio. Altri test, come il test di imaging, sono stati sviluppati e possono talvolta essere utilizzati.

Terapia e cura del glaucoma

L’obiettivo del trattamento del glaucoma è quello di abbassare la pressione nel vostro occhio (pressione intraoculare). Per trattare la vostra condizione, i medici possono abbassare la pressione oculare, migliorare il drenaggio dei liquidi nell’occhio o diminuire la quantità di liquido prodotto da parte del vostro occhio.

Il glaucoma non può essere curato e i danni causati dalla malattia non possono essere invertiti, ma il trattamento e le regolari visite di controllo sono in grado di prevenire la perdita della vista nelle persone con glaucoma in fase iniziale. Se la perdita della vista si è già verificata, il trattamento può rallentare o prevenire l’ulteriore perdita della visione.

Collirio

Il trattamento per il glaucoma inizia spesso, con l’uso dei colliri medicativi. Assicuratevi di utilizzare le gocce esattamente come prescrittovi. In caso contrario, il vostro danno del nervo ottico potrebbe peggiorare. Se il medico prescrive più di un tipo di collirio, assicuratevi di sapere il tempo di attesa necessario tra le varie applicazioni dei colliri.

Poiché alcuni colliri vengono assorbiti dal flusso sanguigno, potrebbero verificarsi alcuni effetti collaterali non correlati ai vostri occhi. Per ridurre al minimo questo assorbimento, chiudete gli occhi per uno o due minuti dopo aver messo le gocce, premendo leggermente sull’angolo del vostro occhio vicino al vostro naso per chiudere il condotto lacrimale.

I colliri più comunemente prescritti includono:

Prostaglandine. I medici spesso prescrivono il prostaglandine per il trattamento del glaucoma ad angolo aperto. Questi colliri aumentano la perdita del liquido nel vostro occhio (umore acqueo) e riducono la pressione al suo interno. Gli esempi includono latanoprost (Xalatan) e bimatoprost (Lumigan). I possibili effetti indesiderati comprendono l’arrossamento mite e il bruciore degli occhi, lo scurimento dell’iride, le variazioni del pigmento della pelle delle palpebre e la visione offuscata.
I beta-bloccanti. Questi colliri riducono la produzione di liquido negli occhi e la pressione nell’occhio (pressione intraoculare). Gli esempi includono timololo (Betimol, Timoptic) e betaxololo (Betoptic). I possibili effetti indesiderati comprendono difficoltà respiratorie, rallentamento del battito cardiaco, la pressione sanguigna più bassa, l’impotenza e la stanchezza. Se si dispone di malattie polmonari o cardiache, i farmaci diversi dai beta-bloccanti possono essere raccomandati perché essi possono aggravare i problemi respiratori.
Agonisti alfa-adrenergici. Questi farmaci riducono la produzione di umore acqueo e aumentano il deflusso del fluido dall’ occhio. Gli esempi includono apraclonidina (Iopidine) e brimonidina (Alphagan). I possibili effetti indesiderati comprendono la frequenza cardiaca irregolare, pressione alta, affaticamento degli occhi, rossore, prurito o gonfiore e secchezza delle fauci.
Inibitori dell’anidrasi carbonica. Questi colliri sono usati raramente, ma essi possono ridurre la produzione di liquido nell’occhio. Gli esempi includono dorzolamide (Trusopt) e brinzolamide (Azopt). I possibili effetti indesiderati comprendono la minzione frequente e una sensazione di formicolio alle dita delle mani e dei piedi.
Agenti miotici o colinergici. Questi aumentano anche la fuoriuscita del liquido dall’occhio. Gli esempi includono la pilocarpina (Isopto Carpine) e il carbacolo (Isopto Carbachol). I possibili effetti indesiderati comprendono la visione offuscata o debole e la miopia.
Farmaci combinati. A volte i medici possono prescrivere un farmaco composto, come ad esempio un beta-bloccante e un alfa agonisti adrenergici oppure un beta-bloccante e un inibitore dell’anidrasi carbonica.

Farmaci per via orale

Se l’uso del collirio non porta la pressione oculare ad un livello desiderato, il medico può anche prescrivervi farmaci per via orale, di solito sotto forma di un inibitore dell’anidrasi carbonica, per ridurre la pressione oculare. Questi farmaci possono causare effetti collaterali tra cui la minzione frequente, una sensazione di formicolio alle dita delle mani e dei piedi, depressione, disturbi di stomaco e calcoli renali.

La ricerca in terapia

La ricerca è in corso di sviluppi, per valutare l’efficacia dei farmaci e per trovare altri trattamenti per curare il glaucoma. Gli studi clinici stanno valutando alcuni farmaci che possono aiutare a proteggere il nervo ottico dai danni associati al glaucoma.

Chirurgia

Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per il trattamento del glaucoma, se non è possibile tollerare i farmaci o se sessi si rivelano inefficaci. A volte una singola procedura chirurgica non può effettivamente abbassare la pressione oculare. Potrebbe essere necessario continuare a utilizzare i colliri o potrebbe essere necessario seguire un altro procedimento.

Le possibili complicanze della chirurgia del glaucoma includono le infezioni, infiammazioni, emorragie, la pressione oculare alta o bassa e la perdita della vista. Sottoporsi alla chirurgia oculare può anche accelerare lo sviluppo della cataratta. La maggior parte di queste complicanze possono essere trattate efficacemente.

Gli interventi chirurgici che possono essere eseguiti per il trattamento del glaucoma includono:

La chirurgia laser. Si può ricevere una procedura ambulatoriale denominata “laser trabeculoplastica” per trattare il glaucoma ad angolo aperto. Dopo aver ricevuto un collirio anestetizzante, il medico utilizza un raggio laser ad alta energia per aprire i canali oculari che sono intasati e aiutare così il fluido defluire a più facilmente dal vostro occhio.

Il medico dovrà controllare la pressione del vostro occhio più volte, nelle settimane successive all’intervento. Possono servire un paio di settimane prima che i benefici della chirurgia diventino evidenti.

La chirurgia laser per il glaucoma abbassa la pressione del vostro occhio (pressione intraoculare). Nel tempo, tuttavia, la pressione intraoculare può iniziare ad aumentare.
Chirurgia di filtraggio. Se il collirio e la chirurgia laser non sono efficaci nel controllare la pressione oculare, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico chiamato trabeculectomia.

Questa procedura viene eseguita in un ospedale o in un centro di chirurgia ambulatoriale. Riceverete un farmaco che vi aiuterà a rilassarvi e di solito otterrete un’iniezione di anestetico per intorpidire l’occhio. Utilizzando strumenti di piccole dimensioni con un microscopio operatorio, il chirurgo creerà un’apertura nella sclera e rimuoverà un piccolo pezzo di tessuto oculare situato alla base della cornea, attraverso il quale, avviene il drenaggio del fluido dal vostro occhio (il trabecolato). Il fluido potrà così fuoriuscire liberamente dall’occhio attraverso questa apertura. Di conseguenza, la pressione oculare sarà abbassata.

Questo intervento chirurgico sarà effettuato su un occhio. Se necessario, alcune settimane più tardi si potrà ricevere lo stesso intervento chirurgico, sull’altro occhio. Potreste avere bisogno delle procedure o dei trattamenti aggiuntivi.

Il medico controllerà il vostro occhio durante le numerose visite di controllo per appurare se avrete bisogno di utilizzare colliri antibiotici e antinfiammatori per combattere le infezioni e la cicatrizzazione del foro di scarico di nuova creazione.

Un’altra procedura può essere eseguita all’interno dell’occhio, per rimuove una striscia mirata del trabecolato con un piccolo utensile. Il chirurgo inserisce l’utensile nel canale di drenaggio dell’occhio attraverso una piccola incisione sul bordo della cornea e rimuoverà la piccola sezione del trabecolato. Questo aiuta il fluido a drenare più facilmente dal vostro occhio.
Gli impianti di drenaggio. Alcune persone con un glaucoma avanzato, glaucoma secondario o i bambini affetti da glaucoma, possono essere ammessi per ricevere gli impianti di drenaggio. Questo intervento chirurgico si svolge in un ospedale o in un ambulatorio. In questa procedura, il chirurgo inserirà un piccolo tubo nel vostro occhio per facilitare lo scarico del liquido (umore acqueo) dal vostro occhio per ridurne la pressione.

Con la trabeculectomia e negli impianti di drenaggio, il fluido viene diretto ad una vescichetta posta sullo strato esterno del bulbo oculare dove potrà essere assorbito.

Trattamento per il glaucoma acuto ad angolo chiuso

Il glaucoma acuto ad angolo chiuso è un caso di emergenza medica. Quando ricevete una diagnosi per questa condizione, sarà necessario un trattamento urgente per ridurre la pressione nel vostro occhio. Questo generalmente richiederà l’utilizzo di entrambi i farmaci e le procedure sopra descritte.

Si può avere una procedura chiamata “iridotomia periferica laser”. In questa procedura, i medici creano un piccolo buco nell’iride con un laser in modo che il liquido (umore acqueo) possa fluire attraverso di esso e uscire dal vostro occhio. I medici valuteranno l’altro occhio e potranno così raccomandarvi una seconda iridotomia se necessario, a causa del rischio elevato che il suo angolo di drenaggio si possa chiudere in futuro.

Rimedi alternativi

Se si dispone di una elevata pressione intraoculare o glaucoma, seguite questi suggerimenti legati allo stile di vita.

Mangiare una dieta sana. Mangiare una dieta sana può aiutare a mantenere la vostra salute, ma non impedirà il peggioramento del glaucoma. Parecchie vitamine e nutrienti possono aiutare a migliorare la vostra visione.
Esercizio fisico. L’esercizio fisico regolare può ridurre la pressione oculare nel glaucoma ad angolo aperto. Parlate con il vostro medico per ricevere un programma di esercizio fisico adeguato.
Limitare il caffeina. Bere grandi quantità di caffeina può aumentare la pressione oculare.
Bere fluidi. Bevete solo moderate quantità di liquidi in qualsiasi momento durante il corso di una giornata. Bere un litro o più di qualsiasi liquido, in breve tempo può aumentare temporaneamente la pressione oculare.

Alcuni tipi di medicina alternativa possono aiutare la vostra salute generale, ma questi non trattano o prevengono il glaucoma.

Alcune forme di medicina alternativa includono:

I rimedi a base di erbe. Non ricorrete ai rimedi erboristici per la cura primaria del glaucoma. Un certo numero di integratori a base di erbe, come il mirtillo, sono pubblicizzati come rimedi contro il glaucoma, ma non sono stati dimostrati efficaci nel prevenire o trattare questa malattia.

Gli integratori a base di erbe non dovrebbero mai essere utilizzati al posto delle terapie collaudate e dovrebbero sempre essere discussi con il vostro medico.
Tecniche di rilassamento. Lo stress può scatenare un attacco di glaucoma acuto ad angolo chiuso. Se siete a rischio per questa condizione, trovate modi sani per far fronte allo stress. Diverse tecniche, come la meditazione e il biofeedback, possono aiutare a ridurre lo stress.

Prevenzione del glaucoma

Prendersi cura dell’occhio. Le regolari visite oculistiche complete, possono contribuire a rilevare il glaucoma in fase iniziale prima che si verifichi un danno irreversibile. Come regola generale, ottenete visite oculistiche complete ogni tre-cinque anni, dopo i 40 anni e ogni anno dopo i 60 anni di età. Potrebbe essere necessario eseguire lo screening più frequentemente se si dispone dei fattori di rischio per il glaucoma.
Trattare l’elevata pressione oculare. I colliri per il glaucoma, possono ridurre in modo significativo il rischio di aumento della pressione oculare che poi progredirà nel glaucoma. Per essere efficaci, queste gocce devono essere prese regolarmente, anche se non si hanno sintomi.
Mangiare una dieta sana. Mangiare una dieta sana non impedirà lo sviluppo del glaucoma, ma può migliorare la vostra salute fisica e mentale. Può anche aiutarvi a mantenere un peso sano e controllare la pressione sanguigna.
Indossare occhiali di protezione. Le lesioni oculari gravi può portare al glaucoma. Indossate occhiali protettivi durante le vostre attività. Indossate anche cappelli e occhiali da sole, se si passa del tempo all’aria aperta.

Bibliografia

  1. Facts about glaucoma. National Eye Institute.
  2. Jacobs DS. Open-angle glaucoma: Epidemiology, clinical presentation, and diagnosis. http://wwwuptodate.com/index. Controllato il 25 Luglio 2013.
  3. Weizer JS. Angle-closure glaucoma. http://www.uptodate.com/index. Controllato il 25 Luglio 2013.
  4. Ferri FF. Ferri’s Clinical Advisor 2013:5 Books in 1. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2012. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-08373-7..00002-9&isbn=978-0-323-08373-7&about=true&uniqId=343863096-23.Controllato il 25 Luglio 2013.
  5. Jacobs DS. Open-angle glaucoma: Treatment. http://www.uptodate.com/index. Controllato il 25 Luglio 2013.
  6. Medication guide. Glaucoma Research Foundation. http://www.glaucoma.org/treatment/medication-guide.php. Controllato il 25 Luglio 2013..
  7. Glaucoma treatments. National Glaucoma Research. http://www.ahaf.org/glaucoma/treatment/common/. Controllato il 25 Luglio 2013.
  8. Glaucoma risk factors and prevention. National Glaucoma Research. http://www.ahaf.org/glaucoma/about/risk.html. Controllato il 25 Luglio 2013.
  9. Preventing eye injuries. American Academy of Ophthalmology. http://www.geteyesmart.org/eyesmart/living/preventing-eye-injuries.cfm. Controllato il 25 Luglio 2013.
  10. Glaucoma. American Optometric Association.
  11. Healthy living with glaucoma. National Glaucoma Research. http://www.ahaf.org/glaucoma/livingwith/healthyliving.html. Controllato il 25 Luglio 2013.
  12. Low vision resources. Glaucoma Research Foundation. http://www.glaucoma.org/treatment/low-vision-resources.php. Controllato il 25 Luglio 2013.
  13. Alternative medicine. Glaucoma Research Foundation. http://www.glaucoma.org/treatment/alternative-medicine.php. Controllato il 25 Luglio 2013.
  14. Olitsky SE, et al. Overview of glaucoma in infants and children. http://www.uptodate.com/index. Controllato il 25 Luglio 2013.