Impetigine

Impetigine

L’impetigine è una infezione della pelle molto contagiosa che colpisce soprattutto i neonati e i bambini. Questa malattia di solito appare con delle piaghe rosse sul viso, soprattutto intorno al naso e alla bocca. Le piaghe scoppiano e sviluppare croste color miele.

L’impetigine può guarire da sola entro due o tre settimane, ma gli antibiotici possono abbreviare il decorso della malattia e aiutare a prevenire la diffusione ad altre persone o bambini.

Potrebbe essere necessario mantenere il vostro bambino a casa da scuola o dall’asilo, fino a quando non è più contagioso, cioè di solito 24 o 48 ore dopo aver iniziato il trattamento antibiotico. Senza gli antibiotici, l’impetigine è contagiosa fino a quando le ferite non guariscono.

Sintomi dell’impetigine

I classici sintomi dell’impetigine sono l’apparizione di piaghe rosse che rapidamente si rompono, trasudano per qualche giorno e poi formano una crosta di colore bruno-giallastro. Le piaghe di solito si verificano intorno al naso e alla bocca, ma possono diffondersi ad altre zone del corpo quali le dita, all’abbigliamento e agli asciugamani.

Una forma meno comune di questa malattia, chiamata impetigine bollosa, può comportare bolle più grandi che si verificano sul tronco o sull’area del pannolino per i neonati e i bambini.

Una forma più grave dell’impetigine, chiamata ectima, penetra in profondità nella pelle, provocando dolorose piaghe piene di pus che si trasformano in ulcere profonde.

Quando è consigliato vedere un medico

Se si sospetta che voi o il vostro bambino abbiate l’impetigine, consultate il proprio medico di famiglia, pediatra o un dermatologo.

Cause dell’impetigine

Sarete esposti ai batteri che causano l’impetigine, quando venite a contatto con qualcuno che è infetto dall’impetigine oppure, toccate oggetti che sono stati a contatto o usati dalla persona infetta, come  l’abbigliamento, il letto, gli asciugamani e persino i giocattoli.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio per l’impetigine sono:

Età. Anche se chiunque può sviluppare l’impetigine, si verifica più frequentemente nei bambini dai 2 ai 6 anni.
Luoghi sovraffollati. L’impetigine diffonde facilmente nelle scuole e nei centri per l’infanzia.
Luoghi caldi e umidi. L’infezioni dell’impetigine è più comune in estate.
Alcuni sport. La partecipazione a sport che interessano il contatto corpo a corpo, come il calcio, aumentano il rischio di sviluppare l’impetigine.
Pelle rotta. I batteri che causano l’impetigine spesso entrano la pelle attraverso le piccole ferite della cute, punture di insetti o attraverso l’eruzione cutanea.

Gli anziani e le persone con il diabete o un sistema immunitario compromesso, hanno più probabilità di sviluppare l’ectima, una forma più profonda e più grave dell’impetigine.

Complicazioni dell’impetigine

L’impetigine in genere non è pericolosa, ma delle complicanze a volte possono svilupparsi. Gli esempi includono:

Cicatrici. Le ulcere associate all’ectima, una forma più profonda e più grave dell’impetigine, può lasciare cicatrici.
Cellulite. Questa complicazione potenzialmente grave, colpisce i tessuti sottostanti alla pelle e, infine, può diffondersi ai linfonodi e nel flusso sanguigno. Se non curata, la cellulite può rapidamente diventare pericolosa per la vita.
Problemi renali. Uno dei tipi di batteri che causano l’impetigine può anche danneggiare i reni.

Diagnosi dell’impetigine

I medici di solito diagnosticano l’impetigine ossorvado le piaghe presenti sul corpo. Di solito, i test di laboratorio non sono necessari. Ma se le piaghe non guariscono, anche con il trattamento antibiotico, il medico può prendere un campione del liquido prodotto e testarlo per vedere quali tipi di antibiotici potrebbero funzionare meglio. Alcuni tipi di batteri che causano l’impetigine sono diventati resistenti a determinati antibiotici.

Terapia e cura dell’impetigine

Gli antibiotici sono il cardine del trattamento per l’impetigine. Questi farmaci possono essere somministrati attraverso una pomata o una crema che si applica direttamente sulle piaghe. Potrebbe essere necessario bagnare prima la zona interessata dalle piaghe con acqua calda o usare impacchi umidi, per aiutare a rimuovere le croste sovrastanti.

Se avete poche piaghe causate dall’impetigine, il medico potrebbe consigliare farmaci antibiotici che possono essere assunti per via orale. Assicuratevi di terminare l’intero corso dei farmaci, anche se le ferite sono guarite. Questo aiuta a prevenire i casi di recidiva dell’infezione ed evita che i batteri dell’impetigine, sviluppino la resistenza agli antibiotici.

Rimedi alternativi

Per le infezioni secondarie che non si sono diffuse in altre aree, si potrebbe provare a curare le ferite con una crema antibiotica o pomata che contiene la bacitracina. L’esecuzione di una fasciatura antiaderente su tutta l’area può aiutare a prevenire la diffusione delle piaghe.

Prevenzione dell’impetigine

Mantenere la pelle pulita è il modo migliore per mantenerla priva di batteri che potrebbero causare le infezioni. Il trattamento dei tagli, dei graffi, delle punture di insetti e delle altre ferite, può essere fatto fin da subito con il lavaggio e la pulizia delle zone colpite.

Se qualcuno nella vostra famiglia ha già l’impetigine, prendete queste misure per evitare la diffusione dell’infezione ad altre persone:

  • Lavate delicatamente le zone colpite con sapone neutro e acqua corrente e poi coprire delicatamente l’area con una garza.
  • Lavate gli abiti di una persona infetta, lenzuola e asciugamani tutti i giorni e non condivideteli con nessun altro della vostra famiglia.
  • Indossate i guanti quando applicate la pomata antibiotica e lavatevi accuratamente le mani dopo l’uso.
  • Tagliate le unghie al vostro bambino infetto, per evitare che si graffi.
  • Lavatevi spesso le mani.
  • Tenete il bambino a casa fino a quando il medico vi dice che non è più contagioso.

Bibliografia

  1. Kliegman RM, et al. Nelson Textbook of Pediatrics. 19th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2011. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1608/0.html. Controllato il 1 Agosto 2013.
  2. Baddour LM. Impetigo. http://www.uptodate.com/home. Controllato il 1 Agosto 2013.
  3. Ferri FF. Ferri’s Clinical Advisor 2013:5 Books in 1. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2012. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-08373-7..00002-9&isbn=978-0-323-08373-7&about=true&uniqId=343863096-23. Controllato il 1 Agosto 2013.
  4. Habif TP. Clinical Dermatology: A Color Guide to Diagnosis and Therapy. 5th ed. Edinburgh, U.K.; New York, N.Y.: Mosby Elsevier; 2010. http://www.mdconsult.com/books/about.do?about=true&eid=4-u1.0-B978-0-7234-3541-9..X0001-6–TOP&isbn=978-0-7234-3541-9&uniqId=230100505-57. Controllato il 1 Agosto 2013.
  5. Wolff K, et al. Fitzpatrick’s Color Atlas and Synopsis of Clinical Dermatology.6th ed. New York, N.Y.: The McGraw-Hill Companies; 2009. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=45. Controllato il 1 Agosto 2013.
  6. Baddour LM. Patient information: Impetigo (beyond the basics). http://www.uptodate.com/home. Controllato il 1 Agosto 2013.
  7. Impetigo care. American Academy of Pediatrics. http://www.healthychildren.org/English/health-issues/conditions/skin/Pages/Impetigo.aspx?nfstatus=401&nftoken=00000000-0000-0000-0000-000000000000&nfstatusdescription=ERROR%3a+No+local+token. Controllato il 1 Agosto 2013.