Insufficienza renale cronica

Insufficienza renale cronica

L’insufficienza renale cronica, detta anche malattia renale cronica, indica la progressiva perdita della funzione renale. I reni filtrano i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue, che vengono poi escretati nelle urine. Quando l’insufficienza renale cronica raggiunge uno stadio avanzato, i fluidi, gli elettroliti e i rifiuti si accumulano nel vostro corpo.

Nei primi stadi dell’insufficienza renale cronica, si possono avere alcuni sintomi.

Il trattamento per l’insufficienza renale cronica, si concentra nel rallentare la progressione del danno renale, solitamente controllando la causa sottostante. Questa malattia, può evolvere in un malattia renale allo stadio terminale, che è mortale senza un filtraggio artificiale (dialisi) o un trapianto di rene.

Sintomi dell’insufficienza renale cronica

I sintomi dell’insufficienza renale, si sviluppano lentamente nel corso del tempo, danneggiando i reni lentamente. I sintomi possono includere:

  • Nausea
  • Vomito
  • Perdita di appetito
  • Stanchezza e debolezza
  • Problemi di sonno
  • Cambiamenti nella produzione di urina
  • Acutezza mentale
  • Contrazioni muscolari e crampi
  • Singhiozzo
  • Gonfiore dei piedi e delle caviglie
  • Prurito persistente
  • Dolore toracico, se i liquidi si accumulano intorno al rivestimento del cuore
  • Mancanza di respiro, se i liquidi si accumulano nei polmoni
  • La pressione alta (ipertensione) che è difficile da controllare

I segni e sintomi dell’insufficienza renale sono spesso aspecifici, nel senso che possono anche essere causati da altre malattie. Inoltre, i reni sono altamente adattabili e in grado di compensare le funzioni perse, quindi, i sintomi dell’insufficienza renale possono non apparire fino a quando non si verifica un danno irreversibile.

Quando è consigliato vedere un medico

Fissate un appuntamento con il vostro medico se si hanno sintomi che indicano questa patologia.

Se si dispone di una condizione medica che aumenta il rischio per l’insufficienza renale cronica, il medico può monitorare la pressione arteriosa e la funzione renale con i test delle urine e del sangue durante le visite ambulatoriali regolari.

Cause dell’insufficienza renale cronica

L’insufficienza renale cronica si verifica quando una malattia o condizione compromette la funzione renale, che causa danni ai reni nell’arco di diversi mesi o anni.

Le malattie e le condizioni che comunemente causano l’insufficienza renale cronica comprendono:

  • Diabete di tipo 1 o diabete di tipo 2
  • La pressione alta
  • Glomerulonefrite, un’infiammazione delle unità di filtraggio del rene (glomeruli)
  • Malattia renale policistica
  • Ostruzione prolungata delle vie urinarie, ingrossamento della prostata, calcoli renali e di alcuni tipi di cancro
  • Reflusso vescico-ureterale, una condizione che provoca il ritorno dell’urina nei reni
  • Infezione renale ricorrente, chiamata anche pielonefrite

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio per l’insufficienza renale cronica sono:

  • Diabete
  • La pressione alta
  • Malattia cardiache
  • Fumare
  • Obesità
  • Il colesterolo alto
  • L’appartenenza ad alcuni tipi di etnia
  • Storia familiare riguardati le malattie renali
  • Età: sono a maggio rischio le persone con più di 65 anni

Complicazioni dell’insufficienza renale cronica

L’insufficienza renale cronica può colpire quasi ogni parte del vostro corpo. Le potenziali complicanze possono includere:

  • Ritenzione di liquidi, che potrebbe portare al gonfiore delle braccia e delle gambe, alta pressione sanguigna, o liquido nei polmoni (edema polmonare)
  • Un improvviso aumento dei livelli di potassio nel sangue (iperkaliemia), che potrebbe compromettere la capacità del cuore di funzionare e potrebbe essere pericolosa per la vita
  • Malattia cardiache e dei vasi sanguigni (malattie cardiovascolari)
  • Ossa deboli e un aumentato del rischio delle fratture ossee
  • Anemia
  • Diminuzione del desiderio sessuale o impotenza
  • Danni al sistema nervoso centrale, che può causare difficoltà di concentrazione, cambiamenti di personalità o crisi epilettiche
  • Diminuzione della risposta immunitaria, il che vi rende più vulnerabili alle infezioni
  • Pericardite, un’infiammazione della membrana che avvolge il cuore (pericardio)
  • Complicazioni della gravidanza che porta rischi per la madre e per il feto in via di sviluppo
  • Danni irreversibili ai reni (insufficienza renale allo stadio terminale), per cui sarà neessario la dialisi o un trapianto di rene per la sopravvivenza

Diagnosi dell’insufficienza renale cronica

Per determinare se soffrite di insufficienza renale cronica, possono essere necessarie prove e procedure, quali:

Gli esami del sangue. I test della funzionalità renale evidenziano i livelli dei prodotti di scarto, come la creatinina e l’urea, presenti nel sangue.
Test delle urine. Analizzando un campione di urine si possono rivelare le anomalie che puntano all’ insufficienza renale cronica e si può anche identificare la causa della malattia renale cronica.
Esami di imaging. Il medico può utilizzare gli ultrasuoni per valutare i vostri reni: la struttura, le dimensioni e il grado in cui essi riflettono le onde sonore (ecogenicità). Altri test di imaging possono essere utilizzati in alcuni casi.
Rimozione di un campione di tessuto renale per il test. Il medico può consigliare una biopsia renale per rimuovere un campione di tessuto di questo organi. La biopsia renale è spesso fatta con un’anestesia locale utilizzando un ago lungo e sottile, che viene inserito attraverso la pelle e nel vostro rene. Il campione bioptico è poi inviato ad un laboratorio per i test i quali possono determinare che cosa stia causando i vostri problemi renali.

Terapia e cura dell’insufficienza renale cronica

A seconda della causa sottostante, alcuni tipi di insufficienza renale cronica possono essere trattati. Spesso, però, l’insufficienza renale cronica non ha cura. Il trattamento consiste nelle misure che aiutano a controllare i sintomi dell’insufficienza renale cronica, ridurre le complicanze e rallentare il progresso della malattia. Se i reni diventano gravemente danneggiati, potrebbero essere necessari trattamenti per la malattia renale allo stadio terminale.

Trattare la causa dell’insufficienza renale

Il medico lavorerà per rallentare o controllare la malattia o la condizione che sta causando la vostra insufficienza renale. Le opzioni di trattamento variano, a seconda della causa. Ma il danno renale può continuare a peggiorare anche se una condizione di base, come ad esempio la pressione alta, è stata controllata e curata.

I trattamenti possono includere:

Farmaci per la pressione alta. Le persone con insufficienza renale cronica possono sperimentare un peggioramento della pressione alta. Il medico può consigliare farmaci per abbassarla (comunemente si tratta dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE inibitori) o antagonisti del recettore dell’angiotensina II) e per preservare la funzione renale. I farmaci per la pressione alta possono inizialmente diminuire la funzione renale e modificare i livelli degli elettroliti, così si possono avere frequenti esami del sangue per monitorare la condizione. Il medico probabilmente consiglierà anche una dieta a basso contenuto di sale.
Farmaci per il colesterolo . Il medico può consigliare farmaci, chiamati statine, per abbassare il colesterolo. Le persone con insufficienza renale cronica spesso sperimentano alti livelli di colesterolo, che può aumentare il rischio delle malattie cardiache.
Farmaci per alleviare l’anemia. In certe situazioni, il medico può raccomandare supplementi dell’ ormone eritropoietina, a volte con l’aggiunta di ferro. Gli integratori dell’eritropoietina possono indurre una maggiore produzione di globuli rossi del sangue, i quali possono alleviare l’affaticamento e la debolezza associata all’anemia.
Farmaci per alleviare il gonfiore. Le persone con insufficienza renale cronica possono trattenere i liquidi. Questo può portare al gonfiore delle braccia e delle gambe, così come la pressione alta. I farmaci chiamati diuretici, possono aiutare a mantenere l’equilibrio dei liquidi nel corpo.
Farmaci per proteggere le ossa. Il medico può prescrivere supplementi di calcio e vitamina D per prevenire la debolezza delle ossa e ridurre il rischio della frattura. Si possono anche prendere farmaci per abbassare la quantità di fosfato nel sangue, che aumenta la quantità di calcio disponibile per le vostre ossa.
Una dieta con poche proteine, ​​per ridurre al minimo i prodotti di scarto nel sangue. Siccome il vostro corpo elabora le proteine ​tratte ​dai cibi, si creano così, prodotti di scarto che i reni devono filtrare via dal sangue. Per ridurre la quantità di lavoro che i reni devono fare, il medico può raccomandare di mangiare meno proteine. Il medico può anche programmare incontri con un dietista il quale può suggerire modi per ridurre l’assunzione delle proteine, mentre ancora mangiate una dieta sana.

Il trattamento per la malattia renale allo stadio terminale

Se i reni non riescono a tenere il passo con lo smaltimento dei rifiuti e dei fluidi da soli, si svilupperà l’insufficienza renale completa o quasi completa, una malattia renale allo stadio terminale. A questo punto, è necessaria la dialisi o un trapianto di rene.

Dialisi. La dialisi rimuove artificialmente i prodotti di scarto e i liquidi in eccesso dal sangue quando i reni non sono in grado di eseguire questa funzione. L’emodialisi, è una macchina che filtra i rifiuti e liquidi in eccesso dal sangue. Nella dialisi peritoneale, si utilizza un catetere per riempire la cavità addominale con una soluzione di dialisi che assorbe i rifiuti e liquidi in eccesso, dopodichè questa soluzione viene espulsa dal vostro corpo e viene sostituita con soluzione “pulita”.
Trapianto di rene. Se non si hanno condizioni per cui di salute gravi per un intervento ghirugico, un trapianto renale può essere un’opzione. Il trapianto del rene prevede il posizionamento chirurgico di un rene sano tratto da un donatore, nel vostro corpo. I reni trapiantati possono provenire da donatori deceduti o da donatori viventi.

Se non siete disposti a fare la dialisi o a sottoporvi ad un trapianto di rene, una terza opzione è quella di trattare la vostra insufficienza renale con le misure conservative. Tuttavia, l’aspettativa di vita in generale, sarebbe solo di poche settimane nel caso abbiate l’insufficienza renale completa.

Rimedi alternativi

Come parte del trattamento per la malattia renale cronica, il medico può raccomandarvi una dieta speciale per aiutare i reni e a limitare il lavoro che essi devono svolgere. Chiedete al vostro medico per una visita da un dietista che può analizzare la vostra dieta attuale e che possa suggerirvi i modi per avere una corretta dieta.

A seconda della vostra situazione (funzione renale e la salute generale), il vostro dietista può raccomandarvi:

Evitare i prodotti contenenti grandi quantità di sale. Abbassate la quantità di sodio che mangiate ogni giorno, evitando i prodotti contenenti tanto sale, tra cui molti cibi pronti, come cibi surgelati, minestre in scatola e fast food. Altri alimenti da evitare includono snack salati, verdure in scatola e le carni lavorate e formaggi.
Scegliere alimenti con poco potassio. Il vostro dietista può raccomandarvi di scegliere gli alimenti con poco potassio. Gli alimenti ricchi di potassio comprendono le banane, arance, patate, spinaci e pomodori. Esempi di alimenti a basso contenuto di potassio includono le mele, cavoli, fagiolini, uva e fragole.
Limitare la quantità di proteine. Il vostro dietista valuterà il numero appropriato di grammi di proteine ​​che dovreste mangiare ogni giorno. Gli alimenti ricchi di proteine ​​sono le carni, uova, latte, formaggio e fagioli. Alimenti a basso contenuto di proteine ​​includono verdure, frutta, pane e la maggior parte la maggior parte dei cereali.

Prevenzione dell’insufficienza renale cronica

Per ridurre il rischio di avere l’insufficienza renale cronica:

Bere alcol con moderazione, se non berne del tutto. Se si sceglie di bere l’alcool, farlo con moderazione.
Seguire le istruzioni dei farmaci. Quando si usano antidolorifici senza ricetta medica, come l’aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e acetaminofene (Tylenol, altri), seguite le istruzioni riportate sulla confezione. Prendere troppi antidolorifici potrebbe causare danni renali. Se avete una storia di problemi renali, rivolgetevi al medico.
Mantenere un peso sano. Se avete un peso sano, lavorate per mantenerlo con l’attività fisica, quasi tutti i giorni della settimana. Se avete bisogno di perdere peso, rivolgetevi al medico. Spesso dovrete aumentare l’attività fisica quotidiana e ridurre il numero delle calorie.
Non fumare. Se siete un fumatore, rivolgetevi al medico per trovare il modo che vi faccia smettere di fumare. I gruppi di supporto, la consulenza e i farmaci possono aiutarvi a smettere.
Gestione delle condizioni mediche con l’aiuto del vostro medico. Se disponete delle malattie o delle condizioni che aumentano il rischio dell’insufficienza renale, lavorate con il vostro medico per il loro controllo.