Mastite

Mastite

La mastite è un’infezione del tessuto mammario che si traduce in dolore al seno, gonfiore, calore e arrossamento della mammella. Se si dispone della mastite, si potrebbe anche avere febbre e brividi. La mastite colpisce più comunemente le donne che sono in allattamento (mastite da allattamento), anche se a volte questa condizione può verificarsi nelle donne che non stanno allattando al seno.

Nella maggior parte dei casi, la mastite da allattamento si verifica entro i primi tre mesi dopo il parto (post-partum), ma può verificarsi anche in seguito durante l’allattamento. La condizione può rendervi esausti e malandati, rendendo difficile la cura per il vostro bambino.

A volte la mastite porta una madre a svezzare il suo bambino in anticipo. Si può continuare l’allattamento al seno mentre avete la mastite.

Sintomi della mastite

Con la mastite, i sintomi possono comparire improvvisamente e includono:

  • La tenerezza del seno o calore al tatto
  • Sensazione di malessere generale
  • Gonfiore del seno
  • Dolore o una sensazione di bruciore continuo durante l’allattamento
  • Arrossamento della pelle
  • Febbre di 38,3 °C o superiore

Anche se la mastite si verifica di solito nelle prime settimane di allattamento, può verificarsi in qualsiasi momento durante l’allattamento. La mastite da allattamento tende a colpire solo un seno e non entrambi.

Quando è consigliato vedere un medico

Nella maggior parte dei casi, avrete sintomi simil-influenzali per diverse ore prima di riconoscere che c’è una zona rossa dolente su uno dei vostri seni. Non appena si riconosce questa combinazione di segni e sintomi, dovrete rivolgervi al vostro medico.

Il medico probabilmente vorrà visitarvi per confermare la diagnosi. Gli antibiotici orali sono di solito molto efficaci nel trattamento di questa condizione. Se i segni ed i sintomi non migliorano dopo i primi due giorni di assunzione degli antibiotici, consultate il medico per assicurarvi che la condizione non sia il risultato di un problema più serio.

Cause della mastite

La mastite può essere causata da:

  • Un condotto del latte bloccato. Uno dei vostri condotti del latte può diventare intasato, causando il reflusso del latte , che porta a infezioni del seno.
  • Batteri che entrano in contatto con il vostro seno. Batteri dalla superficie della pelle e dalla bocca del bambino possono entrare nei condotti del latte attraverso una rottura o crepa nella pelle del capezzolo oppure attraverso un’apertura del condotto del latte. I batteri possono moltiplicarsi, portando ad un’infezione. Questi germi non sono dannosi per il bambino.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la mastite includono:

  • L’allattamento al seno durante le prime settimane dopo il parto
  • Capezzoli dolenti con screpolature, anche se la mastite può svilupparsi senza rotture della pelle
  • Non svuotare completamente il seno dal latte, perchè si allatta il bambino in una singola posizione
  • Indossare un reggiseno non appropriato, che può limitare il flusso del latte
  • Diventare eccessivamente stanchi (affaticati)
  • Attacco precedente di mastite durante l’allattamento, se avete sperimentato la mastite in passato, è molto più probabile che si verifichi di nuovo

Complicazioni della mastite

Quando la mastite non è adeguatamente trattata o deriva da un condotto ostruito, una raccolta di pus (ascesso) può svilupparsi nel seno. Un ascesso di solito richiede il drenaggio chirurgico. Per evitare questa complicazione, rivolga al medico non appena si sviluppano i sintomi della mastite.

Diagnosi della mastite

Il medico diagnostica la mastite sulla base di un esame fisico, tenendo conto dei sintomi come febbre, brividi e la presenza di una zona dolorosa nel petto. Un altro segno è la presenza di una zona a forma di cuneo sul petto ed è tenera al tatto. Come parte dell’esame, il medico farà in modo che non si sviluppi un ascesso del seno, una complicazione che può verificarsi quando la mastite non viene trattata tempestivamente.

Una forma rara di cancro al seno, il cancro al seno infiammatorio, può anche causare arrossamento e gonfiore, facendo sì che i medici lo confondano con la mastite. Il medico può raccomandarvi una mammografia e potrebbe essere necessaria una biopsia per assicurarvi che non abbiate il cancro al seno.

Terapia e cura della mastite

Il trattamento della mastite di solito comporta:

  • Antibiotici. Trattamento della mastite di solito richiede un corso di 10 o 14 giorni di antibiotici. Potreste sentirvi di nuovo bene dopo 24 o 48 ore dall’inizio della terapia, ma è importante prendere l’intero corso di farmaci per ridurre al minimo le probabilità di recidiva.
  • Antidolorifici. Mentre si attende che l’antibiotico abbia effetto, il medico può raccomandarvi un antidolorifico, come il paracetamolo (Tylenol, altri) o ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri).
  • Rettifiche sulle vostre tecniche di allattamento. Assicuratevi che svuotate completamente il seno durante l’allattamento e che il bambino si attacca ad esso correttamente. Il medico può rivedere la tecnica di allattamento al seno con voi o può fare riferimento ad un consulente per l’allattamento.
  • Cura di sé. Riposatevi, continuate l’allattamento al seno e bevete molti liquidi per aiutare il vostro corpo a combattere l’infezione del seno.

Se la mastite non si risolve dopo l’assunzione degli antibiotici, visitate il vostro medico.

Rimedi alternativi

Se si dispone della mastite, si può continuare l’allattamento al seno. Continuando l’allattamento al seno si può favorire la fuoriuscita di latte eliminando l’infezione nel seno.

Per alleviare il disagio:

  • Mantenere la vostra routine di allattamento
  • Cercate di ottenere più riposo possibile
  • Evitate di riempire eccessivamente prolungato del tuo seno con il latte (congestione) prima di allattare
  • Utilizzare posizioni diverse per allattare
  • Bere molti liquidi
  • Se avete problemi a svuotare una parte del tuo seno, applicare impacchi caldi al seno o fare una doccia calda prima di allattare o pompaggio del latte
  • Indossare un reggiseno di supporto

Se l’allattamento al seno infetti è troppo doloroso o il vostro bambino si rifiuta di allattare in quel seno, provare pompaggio o latte che esprimono mano.

Prevenzione della mastite

Per ottenere il vostro rapporto di allattamento al seno con il vostro bambino fuori la sua miglior inizio – e per evitare complicazioni, come la mastite – considerare la possibilità di un appuntamento con un consulente per l’allattamento. Un consulente per l’allattamento può dare consigli e fornire preziosi consigli per una corretta tecnica di allattamento.

Ridurre al minimo le possibilità di ottenere mastite seguendo questi consigli:

  • Svuotare completamente il latte dal tuo seno durante l’allattamento.
  • Fare in modo che il bambino svuoti completamente un seno prima di passare all’altro seno durante l’allattamento.
  • Modificare la posizione di allattamento tra una alimentazione e l’altra.
  • Assicuratevi che il vostro bambino si attacchi correttamente al seno durante le poppate.
  • Non lasciate che il vostro bambino usi il seno come un ciuccio. Ai bambini piace succhiare il seno anche quando non sono affamati.

Bibliografia

  1. Non-cancerous breast conditions. American Cancer Society. http://www.cancer.org/acs/groups/cid/documents/webcontent/003180-pdf.pdf. Controllato il 10/01/2014.
  2. Spencer JP. Management of mastitis in breastfeeding women. American Family Physician. 2008;78:727.
  3. Cusack L, et al. Lactational mastitis and breast abscess: Diagnosis and management in general practice. Australian Family Physician. 2011;40:976.
  4. Dixon JM. Lactational mastitis. http://www.uptodate.com/index. Controllato il 10/01/2014.
  5. Gabbe SG, et al. Obstetrics: Normal and Problem Pregnancies. 6th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2012. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-4/0/1528/0.html. Controllato il 10/01/2014.
  6. FAQ on mastitis. La Leche League International. http://www.llli.org/FAQ/mastitis.html. Controllato il 10/01/2014.