Morbillo

Morbillo

Il morbillo è un’infezione tipica dell’infanzia causata da un virus. Una volta era abbastanza comune, oggi il morbillo può essere prevenuto con un vaccino. I sintomi del morbillo comprendono tosse, naso che cola, occhi infiammati, mal di gola, febbre ed eruzione cutanea di colore rosso.

Chiamato anche rosolia, il morbillo può essere grave e mortale per i bambini piccoli dispari. Mentre i tassi di morte sono in calo nel mondo, siccome sempre più bambini ricevono il vaccino contro il morbillo, la malattia uccide ancora diverse centinaia di migliaia di persone all’anno, la maggior parte di esse è al di sotto dell’età di 5 anni.

Sintomi del morbillo

I sintomi del morbillo compaiono tra i 7 e i 14 giorni dopo l’esposizione al virus. I sintomi del morbillo in genere comprendono:

  • Febbre
  • Tosse secca
  • Naso che cola
  • Mal di gola
  • Occhi infiammati (congiuntivite)
  • Sensibilità alla luce
  • Macchie bianche minuscole con centri bluastro-bianco situate all’interno della bocca sul rivestimento interno della guancia, dette macchie di Koplik
  • Un rash cutaneo composto da larghe macchie piatte, che spesso si compenetrano a vicenda

L’infezione si verifica in fasi sequenziali per un periodo di 2-3 settimane.

  • Infezione e incubazione. L’incubazione dura 7 o 14 giorni dopo che siete stati in contatto con il virus del morbillo. Non ci sono segni o sintomi del morbillo in questo momento.
  • Sintomi aspecifici. Tipicamente il morbillo inizia con una lieve febbre moderata, spesso accompagnata da una tosse persistente, naso che cola, occhi infiammati (congiuntivite) e mal di gola. Questa malattia relativamente mite dura due o tre giorni.
  • Malattia acuta e rash cutaneo. L’eruzione consiste in piccole macchie rosse, alcune delle quali sono leggermente sollevate. Le macchie e le protuberanze a grappoli, conferiscono alla pelle un aspetto chiazzato di rosso. Questi segni si verificano prima sul viso, in particolare dietro le orecchie e lungo l’attaccatura dei capelli. Nei giorni seguenti, l’eruzione si estenderà lungo le braccia e il tronco, poi sulle cosce, gambe e piedi. Allo stesso tempo, la febbre aumenta rapidamente, spesso a 40° o 40,6° C). L’eruzione del morbillo si allevia poco a poco.
  • Periodo comunicabile. Una persona con il morbillo può diffondere il virus ad altre perone in circa otto giorni, a partire dalla prima eruzione.

Quando è consigliato vedere un medico

Chiamate il vostro medico se pensate che voi o il vostro bambino possiate essere stati esposti al morbillo o se voi o il vostro bambino avete simili eruzioni cutanee.

Cause del morbillo

Il virus del morbillo è un virus molto contagioso, vive nel muco del naso e nella gola del bambino infetto. Ilvirus può essere contagioso nei primi giorni dell’eruzione.

Quando qualcuno con il morbillo tossisce, starnutisce o parla, il virus viene spruzzato nell’aria, dove altre persone possono inalarlo, oppure arrivare al contatto di superfici dove può rimanere attivo e contagioso per diverse ore. È possibile contrarre il virus mettendo le dita in bocca o nel naso, strofinarsi gli occhi dopo aver toccato la superficie infetta.

Fattori di rischio

  • Nessuna vaccinazione. Le persone che non hanno ricevuto il vaccino per il morbillo hanno molte più probabilità di sviluppare la malattia.
  • Viaggi internazionali. Le persone non vaccinate che viaggiano verso i Paesi in via di sviluppo, dove il morbillo è più comune, sono a più alto rischio di contrarre la malattia.
  • Carenza di vitamina A. Le persone che non hanno abbastanza vitamina A hanno più probabilità di contrarre il morbillo e avere sintomi più gravi.

Complicazioni del morbillo

Le complicanze del morbillo possono includere:

  • Un’infezione alle orecchie. Una delle complicanze più comuni del morbillo, è un’infezione batterica dell’orecchio.
  • Bronchite, laringite o groppa. Il morbillo può portare all’infiammazione della vostra laringe o all’infiammazione delle pareti interne che costeggiano i principali passaggi d’aria dei polmoni (bronchi).
  • Polmonite. La polmonite è una complicanza comune del morbillo.Le persone con un sistema immunitario compromesso possono sviluppare particolari e pericolose varietà della polmonite.
  • Encefalite. Circa 1 persona su 1.000 con il morbillo, sviluppa l’encefalite, un’infiammazione del cervello che può causare il vomito, convulsioni e, raramente, coma o morte. L’encefalite può susseguire il morbillo o può verificarsi mesi più tardi.
  • Problemi di gravidanza. Le donne in gravidanza devono prestare particolare attenzione per evitare il morbillo, poiché la malattia può provocare la perdita della gravidanza, determinare un parto anticipato.
  • Basso numero di piastrine (trombocitopenia). Il morbillo può portare ad una diminuzione del numero delle piastrine. Questo tipo di cellule del sangue, è essenziale per la coagulazione del sangue.

Diagnosi del morbillo

Il medico può diagnosticare il morbillo di solito basandosi sulla caratteristica dell’eruzione cutanea, così come sui piccoli  punti rossi di Koplik, sul rivestimento interno della guancia. Se necessario, un esame del sangue può confermare se l’eruzione è davvero dovuta dal morbillo.

Terapia e cura del morbillo

Nessun trattamento può sbarazzarsi di un infezione da morbillo, che si è stabilita nel corpo.Tuttavia, alcune misure possono essere adottate per proteggere le persone vulnerabili, che sono stati esposti al virus.

  • Vaccinazione post-esposizione. Le persone non immunizzate, bambini inclusi, possono ricevere il vaccino contro il morbillo entro 72 ore dall’esposizione al virus, per fornire una protezione contro la malattia. Se il morbillo continua a svilupparsi, i sintomi della malattia saranno più lievi e di solito dureranno per un tempo più breve.
  • Immunoglobuline nel siero. Le donne incinte, i neonati e le persone con sistema immunitario indebolito che sono esposte al virus, possono ricevere un’iniezione di proteine ​​(anticorpi) chiamate immuno siero globuline. Se vengono date entro sei giorni dall’esposizione al virus, gli anticorpi possono prevenire l’avanzare del morbillo o rendere i sintomi meno gravi.

Farmaci

  • Riduttori della febbre. Voi o il vostro bambino potrete prendere anche alcuni farmaci: come il paracetamolo (Tylenol, altri), ibuprofene (Advil, Motrin, altri) o naprossene (Aleve) per contribuire ad alleviare la febbre che accompagna il morbillo. Non date l’aspirina ai bambini, perchè c’è il rischio per la sindrome di Reye.
  • Antibiotici. Se avete una infezione batterica come la polmonite o l’infezione dell’orecchio, durante il morbillo, il medico potrebbe prescrivervi un antibiotico.
  • Vitamina A. Le persone con bassi livelli di vitamina A sono più propense ad avere un caso più grave di morbillo. Dare la vitamina A, può ridurre la gravità dei sintomi. Generalmente viene data come una grande dose di 200.000 unità internazionali (UI) per due giorni.

Rimedi alternativi

Se voi o il vostro bambino ha il morbillo, tenetevi in contatto con il vostro medico per monitorare l’andamento della malattia e osservate la comparsa di possibili complicazioni. Provate anche alcune misure alternative:

  • Riposo. Riposatevi ed evitate le attività faticose.
  • Sorseggiare acqua. Bere molta acqua, succhi di frutta e tisane per sostituire i liquidi persi con la sudorazione e febbre.
  • Facilitate la respirazione. Utilizzate un umidificatore per alleviare la tosse e il mal di gola.
  • Riposare gli occhi. Se voi o il vostro bambino trovate che la luce è un fastidio, tenete le luci basse o indossate occhiali da sole. Inoltre, evitate di leggere o guardare la televisione se la luce di una lampada da lettura o dalla televisione è fastidiosa.

Prevenzione del morbillo

Se qualcuno nella vostra famiglia ha il morbillo, prendete delle precauzioni per proteggere le altre persone:

  • Isolamento. Poiché il morbillo è altamente contagioso, la persona colpita deve restare a casa e lontano dal posto di lavoro o scuola, fino a quando i sintomi non si sono alleviati e il medico certifichi la condizione di salute della persona interessata.
  • Vaccinazione. Se non avete già ricevuto la vaccinazione contro questa condizione, dovrete riceverla non appena possibile.

Bibliografia

  1. Measles. The Merck Manuals: The Merck Manual for Healthcare Professionals. http://www.merckmanuals.com/professional/sec14/ch193/ch193b.html#sec14-ch193-ch193b-2738. Controllato il 08/01/2014.
  2. Fact sheet: Measles. World Health Organization. http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs286/en/index.html.Controllato il 08/01/2014.
  3. Corrales-Medina VF, et al. Viral and rickettsial infections. In: McPhee SJ, et al. Current Medical Diagnosis & Treatment 2011. 50th ed. New York, N.Y.: The McGraw-Hill Companies; 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=17235&searchStr=measles. Controllato il 08/01/2014.
  4. Overview of measles disease. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/measles/about/overview.html. Controllato il 08/01/2014.
  5. Parker AA, et al. Measles (Rubeola). In: Brunette GW, et al. CDC Health Information for International Travel 2010. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2009. http://wwwnc.cdc.gov/travel/yellowbook/2010/chapter-2/measles.aspx. Controllato il 08/01/2014.
  6. Measles. American Academy of Pediatrics. http://www.healthychildren.org/English/health-issues/vaccine-preventable-diseases/Pages/Measles.aspx. Controllato il 08/01/2014.
  7. Bekhor D, et al. Prevention and treatment of measles. http://www.uptodate.com/home/index.html.Controllato il 08/01/2014.
  8. Update on measles outbreaks throughout the United States: CDC press briefing, August 21, 2008. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/media/transcripts/2008/t080808.htm. Controllato il 08/01/2014.
  9. Measles. National Health Service. http://www.nhs.uk/conditions/Measles/Pages/Introduction.aspx. Controllato il 08/01/2014.
  10. Retraction-Ileal-lymphoid-nodular hyperplasia, non-specific colitis, and pervasive developmental disorder in children. The Lancet. 2010:375:445.
  11. NHS immunisation statistics, England 2009-10. National Health Service. http://www.ic.nhs.uk/webfiles/publications/003_Health_Lifestyles/immstats0910/Immunisations_Bulletin_2009-10.pdf. Controllato il 08/01/2014.