Reflusso gastroesofageo

Reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo (MRGE) è una malattia cronica dell’apparato digerente che si verifica quando l’acido dello stomaco o della bile, risale nel tubo alimentare (esofago). Questo ritorno di acido irrita il rivestimento dell’esofago e provoca sintomi.

I sintomi includono il reflusso di acido e bruciore di stomaco. Entrambe sono condizioni digestive comuni di cui molte persone soffrono. Quando questi sintomi si verificano almeno due volte alla settimana o interferiscono con la vita quotidiana, i medici usano la sigla GERD per indicare questi episodi.

La maggior parte delle persone è in grado di gestire il disagio dovuto dal bruciore di stomaco con i cambiamenti dello stile di vita e con l’uso di alcuni farmaci. Ma per le persone con una malattia da reflusso gastroesofageo, questi rimedi possono offrire solo un sollievo temporaneo. Le persone con il reflusso gastroesofageo possono avere bisogno di farmaci più forti, anche di un intervento chirurgico, per ridurre i sintomi.

Sintomi del reflusso gastroesofageo

I sintomi del reflusso gastroesofageo includono:

  • Una sensazione di bruciore al petto (bruciore di stomaco), che a volte si diffonde alla gola, con un sapore acido in bocca
  • Il dolore toracico
  • Difficoltà di deglutizione (disfagia)
  • Tosse secca
  • Raucedine o mal di gola
  • Rigurgito di cibo o acido liquido (reflusso acido)
  • Sensazione di un nodo alla gola

Quando è consigliato vedere un medico

Contattate immediatamente un medico se si verificano dolori al petto, soprattutto se sono accompagnati da altri sintomi, come ad esempio la mancanza di respiro o dolore al braccio o alla mascella. Questi possono essere i sintomi di un attacco di cuore.

Fissate un appuntamento con il medico se si verificano gravi o frequenti sintomi del GERD. Se si prendono farmaci senza prescrizione medica per il bruciore di stomaco più di due volte a settimana, consultate il medico.

Cause del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo, è causato da un frequente reflusso di acido gastrico o biliare, nell’esofago.

Quando deglutite, lo sfintere esofageo inferiore, una fascia circolare del muscolo intorno alla parte inferiore del vostro esofago, si rilassa per consentire al cibo e ai liquidi di scorrere verso il basso nel vostro stomaco. Poi si richiude.

Tuttavia, se questa valvola si rilassa in modo anomalo o si indebolisce, l’acidità di stomaco può risalire indietro nell’esofago, causando i sintomi sopra descritti. Questo costante ritorno di acido può irritare il rivestimento del vostro esofago, causando l’infiammazione (esofagite). Nel corso del tempo, l’infiammazione può erodere l’esofago, provocando complicazioni come emorragie o problemi respiratori.

Fattori di rischio

Le condizioni che possono aumentare il rischio del GERD includono:

  • obesità
  • ernia iatale
  • gravidanza
  • fumare
  • Secchezza della bocca
  • asma
  • diabete
  • ritardato dello svuotamento dello stomaco
  • disturbi del tessuto connettivo, come la sclerodermia
  • sindrome di Zollinger-Ellison

Complicazioni del reflusso gastroesofageo

Nel corso del tempo, l’infiammazione cronica dell’esofago può portare a complicazioni, tra cui:

  • Restringimento dell’esofago (stenosi esofagea). Danni alle cellule dell’esofago inferiore per via dell’esposizione acida, porta alla formazione di tessuto cicatriziale. Il tessuto cicatriziale restringe la via alimentare, causando difficoltà di deglutizione.
  • Una ferita aperta nell’esofago (ulcera esofagea). L’acidità di stomaco può gravemente minare i tessuti nell’esofago, causando una ferita aperta. L’ulcera esofagea può sanguinare, causare dolore e rendere la deglutizione difficile.
  • Modifiche precancerose dell’esofago (esofago di Barrett). Nell’esofago di Barrett, il colore e la composizione del rivestimento del tessuto  esofageo inferiore, cambiano. Questi cambiamenti sono associati ad un aumento del rischio per il cancro esofageo. Il rischio per il cancro è basso, ma il medico potrebbe consigliare regolari esami endoscopici per cercare i primi segni premonitori del tumore esofageo.

Diagnosi del reflusso gastroesofageo

Se siete stanchi dei frequenti bruciori di stomaco o di altri sintomi , il medico può essere in grado di diagnosticare il reflusso gastresofageo. Il medico può anche suggerirvi i test e le procedure utilizzate per la diagnosi del GERD , tra cui :

  • Una radiografia del vostro sistema digestivo superiore. A volte chiamato un test di deglutizione del bario o serie gastrointestinale superiore. Questa procedura comporta bere un liquido gessoso che ricopre e riempie il rivestimento interno del tratto digestivo. Poi i raggi X vengono effettuati. Il rivestimento permette al medico di vedere la sagoma e la condizione dell’esofago, dello stomaco e della parte superiore dell’intestino ( duodeno ).
  • Il passaggio di un tubo flessibile in gola. L’endoscopia è un modo per esaminare visivamente l’interno del vostro esofago. Durante l’endoscopia , il medico inserisce un tubo sottile e flessibile, provvisto di luce e di una macchina fotografica ( endoscopio ), dentro la gola. L’endoscopio permette al medico di esaminare l’esofago e lo stomaco . Il medico può anche utilizzare l’endoscopia per raccogliere un campione di tessuto ( biopsia ) per ulteriori test. L’endoscopia è utile nella ricerca di complicazioni dovute dal reflusso gastroesofageo, come l’esofago di Barrett.
  • Un test per monitorare la quantità di acido nell’esofago. Il test con la sonda per l’acido ambulatoriale ( pH), utilizza un dispositivo acido, per identificare quando e per quanto tempo, è presente l’acidità di stomaco. La monitorazione dell’acido può essere fatta tramite un tubo sottile e flessibile ( catetere ), che viene fatto passare attraverso il naso nel vostro esofago. Durante il test, la provetta rimane, si connette ad un piccolo computer che si indossa intorno alla vita. La sonda trasmette segnali al piccolo computer per circa due giorni e poi la sonda si stacca e viene evacuata con le feci . Il medico può chiedervi di smettere di prendere i farmaci GERD per prepararvi a questo test.
  • Un test per misurare il movimento dell’esofago. I test della motilità esofagea misurano il movimento e la pressione nell’esofago. Il test prevede il posizionamento di un catetere attraverso il naso e nell’esofago.

Terapia e cura del reflusso gastroesofageo

Il trattamento per il bruciore di stomaco e degli altri sintomi del GERD di solito inizia con l’uso dei farmaci che controllano l’acidità. Se non si verifica alcun sollievo nel giro di poche settimane, il medico può raccomandare altri trattamenti, compresi altri farmaci e la chirurgia.

Trattamenti iniziali per controllare il bruciore di stomaco

Trattamenti con farmaci da banco, possono aiutare con il bruciore di stomaco:

  • Gli antiacidi che neutralizzano l’acidità di stomaco . Antiacidi , come Maalox , Mylanta , Gelusil , Rolaids e Tums , possono fornire un rapido sollievo . Ma solo gli antiacidi non guariranno un esofago infiammato danneggiato dai succhi gastrici. L’abuso di alcuni antiacidi può causare effetti indesiderati, come la diarrea o la costipazione.
  • Farmaci per ridurre la produzione di acido, chiamati bloccanti H – 2 – recettori , comprendono cimetidina ( Tagamet HB ) , famotidina ( Pepcid AC ) , nizatidina ( Axid AR ) o ranitidina ( Zantac 25 , Zantac 75 , Zantac 150) . Bloccanti H – 2 – recettori non agiscono più rapidamente degli antiacidi, ma forniscono un maggiore sollievo. Versioni più forti di questi farmaci sono disponibili con la prescrizione medica.
  • I farmaci che bloccano la produzione di acido e guariscono l’esofago. Gli inibitori della pompa protonica bloccano la produzione di acido e lasciano il tempo ai tessuti danneggiati dell’esofago, di guarire. Gli inibitori della pompa protonica sono lansoprazolo ( Prevacid 24 HR) e omeprazolo ( Prilosec OTC ) .

Rivolgetevi al proprio medico se avete bisogno di prendere questi farmaci due o più volte alla settimana.

Farmaci di prescrizione-resistenza

Se il bruciore persiste nonostante gli approcci iniziali , il medico può consigliarvi farmaci di prescrizione-resistenza , come ad esempio:

  • Prescrizione-resistenza bloccanti H – 2 – recettore. Questi includono cimetidina prescrizione-resistenza ( Tagamet ) , famotidina ( Pepcid ) , nizatidina ( Axid ) e ranitidina ( Zantac ) .
  • Prescrizione-resistenza inibitori della pompa protonica . Prescrizione-resistenza inibitori della pompa protonica sono esomeprazolo ( Nexium ) , lansoprazolo ( Prevacid ) , omeprazolo ( Prilosec ) , pantoprazolo ( Protonix ) , rabeprazolo ( Aciphex ) e dexlansoprazolo ( Dexilant ) .

Raramente , questi farmaci possono portare ad una perdita ossea e aumentare il rischio di una frattura ossea . Il medico può suggerirvi di prendere un supplemento di calcio per ridurre tali rischi.

Questi farmaci possono ridurre l’efficacia dei farmaci per fluidificare il sangue, clopidogrel ( Plavix ) . Se vi viene prescritto un inibitore della pompa protonica e state prendendo il Plavix , informate il medico .

  • Farmaci per rafforzare lo sfintere esofageo inferiore. Chiamati agenti procinetici , questi farmaci aiutano il vostro stomaco a svuotarsi più rapidamente e aiutano a stringere la valvola tra lo stomaco e l’esofago. Gli effetti collaterali, come fatica, depressione, ansia e altri problemi neurologici, limitano l’utilità di questi farmaci .

I farmaci per il GERD, sono a volte combinati tra loro per aumentare l’efficacia.

Chirurgia e altre procedure utilizzate se i farmaci non aiutano

La maggior parte dei casi del reflusso gastroesofageo, può essere controllata attraverso l’uso dei farmaci. In situazioni in cui i farmaci non sono utili o si vuole evitare il loro uso a lungo termine , il medico può raccomandarvi delle procedure più invasive , come ad esempio :

Intervento chirurgico per rinforzare lo sfintere esofageo inferiore ( Nissen ). Questo intervento comporta lo stringimento dello sfintere esofageo inferiore, per impedire che il reflusso avvolga la parte superiore dello stomaco intorno all’esterno dell’esofago inferiore. La chirurgia può essere aperta o laparoscopica. Nella chirurgia a cielo aperto, il chirurgo fa una lunga incisione nell’addome. Nella chirurgia laparoscopica , il chirurgo fa tre o quattro piccole incisioni nell’addome e inserisce un tubo flessibile con una piccola telecamera , attraverso le incisioni .
Intervento chirurgico per creare una barriera che impedisce la risalita dell’acido gastrico. Un dispositivo ( Esophyx) viene inserito attraverso la bocca fino allo stomaco. Il dispositivo è utilizzato per piegare il tessuto alla base dello stomaco in un sostituto della valvola sfintere, per evitare che l’acido dello stomaco ritorni nell’esofago. Il medico può raccomandarvi questa procedura se i farmaci non sono efficaci o se non siete adatti per il metodo Nissen.
Un procedimento per formare tessuto cicatriziale nell’esofago ( procedura Stretta ). Questo approccio utilizza energia fornita da elettrodi, per riscaldare il tessuto esofageo. Il calore crea un tessuto cicatriziale e danneggia i nervi che rispondono al riflusso acido. Il tessuto cicatriziale che si forma quando il vostro esofago guarisce, aiuta a rafforzare i muscoli. Il medico può raccomandare questa procedura se i farmaci non sono efficaci o se non siete adatti per sottoporvi al metodo Nissen.
Chirurgia per rafforzare lo sfintere esofageo inferiore ( Linx ). Il dispositivo Linx è un anello di piccole perle di titanio magnetiche, che viene avvolto intorno alla giunzione dello stomaco e dell’esofago. L’attrazione magnetica delle perle è abbastanza forte per mantenere l’apertura della giunzione chiusa per impedire il riflusso di acido, ma è abbastanza debole per permettere al cibo di passare attraverso di essa. Esso può essere impiantato utilizzando metodi di chirurgia minimamente invasiva.

Rimedi alternativi

Cambiare stile di vita può aiutare a ridurre la frequenza di bruciore di stomaco.

Mantenere un peso sano. I chili in eccesso creano pressione sul vostro addome, spingendo verso l’alto il vostro stomaco e causando la risalita dell’acido nel vostro esofago. Se il vostro peso è sano, lavorate per mantenerlo. Se siete in sovrappeso o obesi, lavorate per perdere peso lentamente, non più di 0,5 o 1 kg a settimana. Chiedete al vostro medico un aiuto per perdere peso.
Evitare indumenti attillati. I vestiti che si adattano perfettamente intorno alla vita creano pressione sul vostro addome e nello sfintere esofageo inferiore.
Evitare cibi e bevande che facciano scatenare il bruciore di stomaco. Ognuno di noi ha dei fattori scatenanti specifici. I più comuni sono i cibi grassi o fritti, salsa di pomodoro, alcol, cioccolato, menta, aglio, cipolla, e la caffeina.
Mangiare più piccoli pasti. Evitare l’eccesso di cibo e mangiate piccoli pasti.
Non coricarsi dopo un pasto. Attendere almeno tre ore dopo aver mangiato, prima di coricarvi o andare a letto.
Elevare la testata del letto
Non fumare. Fumare riduce la capacità dello sfintere esofageo inferiore di funzionare correttamente.

Nessun terapia alternative ha dimostrato di trattare la malattia da reflusso gastroesofageo o di invertire i danni dell’esofago. Eppure, alcune terapie complementari e alternative possono dare qualche sollievo, quando combinate con la cura del medico.

Parlate con il vostro medico per i trattamenti alternativi del GERD. Le opzioni possono includere:

I rimedi alle erbe. I rimedi alle erbe a volte utilizzati per sintomi di GERD includono liquirizia, olmo, camomilla. I rimedi alle erbe possono avere effetti collaterali gravi e possono interferire con i farmaci. Chiedete al vostro medicoun dosaggio sicuro prima di iniziare qualsiasi rimedio a base di erbe.
Terapie di rilassamento. Tecniche per calmare lo stress e l’ansia possono ridurre i ssintomi del GERD. Chiedete al vostro medico circa le tecniche di rilassamento, come il rilassamento muscolare progressivo o immaginazione guidata.
Agopuntura. L’agopuntura prevede l’inserimento di aghi sottili in punti specifici del corpo. Un piccolo studio ha riportato che l’agopuntura ha aiutato le persone con il bruciore di stomaco, che persisteva nonostante l’uso dei farmaci. Chiedete al vostro medico se l’agopuntura è sicura per voi.

Bibliografia

  1. Ferri FF. Gastroesophageal reflux disease. In: Ferri FF. Ferri’s Clinical Advisor 2011: Instant Diagnosis and Treatment.Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2011. http://www.mdconsult.com/books/about.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-05610-6..C2009-0-38600-6–TOP&isbn=978-0-323-05610-6&about=true&uniqId=230100505-53. Controllato il 25 Ottobre 2013.
  2. Kahrilas PJ. Medical management of gastroesophageal reflux disease in adults. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 25 Ottobre 2013.
  3. Michelfelder AJ, et al. Integrative medicine and gastrointestinal disease. Primary Care: Clinics in Office Practice. 2010;37:255.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  4. Kahrilas PJ. Clinical manifestations and diagnosis of gastroesophageal reflux in adults. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 25 Ottobre 2013.
  5. Kiefer D. Gastroesophageal reflux disease. In: Rakel D. Integrative Medicine. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-2/0/1494/0.html. Controllato il 25 Ottobre 2013.
  6. Achem SR. Noncardiac chest pain — Treatment approaches. Gastroenterology Clinics of North America. 2008;37:859.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  7. Oranu AC, et al. Noncardiac chest pain: Gastroesophageal reflux disease. Medical Clinics of North America. 2010;94:233.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  8. Fennerty MB, et al. Short- and long-term management of heartburn and other acid-related disorders: Development of an algorithm for primary care providers. The Journal of Family Practice. 2009;58:S1.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  9. Weight management. U. S. Department of Agriculture. http://www.nutrition.gov/nal_display/index.php?info_center=11&tax_level=3&tax_subject=390&topic_id=1741&level3_id=6295&level4_id=0&level5_id=0&placement_default=0.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  10. Kahrilas PJ, et al. American Gastroenterological Association medical position statement on the management of gastroesophageal reflux disease. Gastroenterology. 2008;135:1383.Controllato il 25 Ottobre 2013.
  11. Transoral Incisionless Fundoplication. http://www.endogastricsolutions.com/esophyx_overview.htm.  Controllato il 25 Ottobre 2013.
  12. Bonavina L, et al. Laparoscopic sphincter augmentation device eliminates reflux symptoms and normalizes esophageal acid exposure: one- and 2-year results of a feasibility trial. Annals of Surgery. 2010; 252: 857.Controllato il 25 Ottobre 2013.