Scoliosi

Scoliosi

La scoliosi è una curvatura laterale della colonna vertebrale che si verifica spesso durante la fase di crescita, poco prima della pubertà. La scoliosi può essere causata da condizioni come la paralisi cerebrale e la distrofia muscolare, ma la vera causa dei maggiori casi della scoliosi è ancora sconosciuta.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di lieve scoliosi, ma alcuni bambini sviluppano deformità della colonna vertebrale che continuano a peggiorare man mano che crescono. La scoliosi grave può essere invalidante. Una curva spinale particolarmente grave, può ridurre la quantità di spazio all’interno del torace, interferendo con le funzionalità polmonari.

I bambini che hanno la scoliosi lieve sono monitorati nel tempo, di solito con i raggi X, per vedere se la curvatura peggiori. In molti casi, nessun trattamento è necessario. Alcuni bambini avranno bisogno di indossare un tutore per fermare il peggioramento della loro scoliosi. Altri possono avere bisogno di un intervento chirurgico per evitare il peggioramento della condizione e raddrizzare gravi casi di scoliosi.

Sintomi della scoliosi

I sintomi della scoliosi possono includere:

  • Spalle irregolari
  • Una spalla che appare più evidente rispetto all’altra
  • Vita irregolare
  • Un’anca più alta dell’altra

Se una curva di scoliosi peggiora, la colonna vertebrale potrà anche ruotare o torcersi. Ciò fa sì che le costole su un lato del corpo possono sporgere di più rispetto all’altro lato. La scoliosi grave può causare dolore alla schiena e difficoltà respiratorie.

Quando è consigliato vedere un medico

Visitate il vostro medico se si notano sintomi della scoliosi nel vostro bambino. Le curve lievi, tuttavia, possono svilupparsi accorgersene, perché esse appaiono poco a poco e di solito non causano dolore.

Cause della scoliosi

I medici non sanno che cosa causi la maggior parte delle più comuni scoliosi anche se, sembrano esserci dei fattori ereditari. I tipi meno comuni di scoliosi, possono essere causati da:

  • Malattie neuromuscolari, come la paralisi cerebrale o distrofia muscolare
  • Difetti della nascita che interessano lo sviluppo delle ossa della colonna vertebrale
  • Lesioni a o infezioni della colonna vertebrale

Fattori di rischio

I fattori di rischio per sviluppare il tipo più comune di scoliosi includono:

Età. I sintomi di solito iniziano durante il picco della fase di crescita, che si verifica appena prima della pubertà. Questo periodo di solito è compreso tra i 9 e 15 anni.
Sesso. Sebbene entrambi, ragazzi e le ragazze, possono sviluppare la scoliosi lieve, le ragazze hanno un rischio molto più elevato per questa condizione.
La storia famigliare. La scoliosi può essere ereditabile, ma la maggior parte dei bambini con scoliosi non ha una storia famigliare della malattia.

Complicazioni della scoliosi

Mentre la maggior parte delle persone con scoliosi ha una forma lieve della malattia, talvolta possono esserci complicazioni, tra cui:

Danni ai polmone e al cuore. Con la grave scoliosi, la gabbia toracica può premere contro i polmoni e il cuore, il che rende più difficile respirare e più difficile per il cuore di pompare il sangue.
Problemi alla schiena. Gli adulti che hanno avuto la scoliosi da bambini, hanno più probabilità di avere il mal di schiena cronico rispetto alle persone che non hanno avuto questa condizione.
Aspetto. Più peggiora la scoliosi, più i cambiamenti fisici diventano più evidenti (tra cui spalle non allineate, costole prominenti, fianchi irregolari, e uno spostamento della vita e del tronco verso un lato). I soggetti con la scoliosi, spesso diventano consapevoli circa il loro aspetto.

Diagnosi della scoliosi

Il medico inizialmente farà una dettagliata anamnesi e potrà farvi domande sulla vostra crescita. Durante l’esame fisico, il medico dirà al vostro bambino di stare eretto in piedi e poi di piegarsi in avanti, con le braccia penzoloni, per vedere se un lato della gabbia toracica è più evidente rispetto all’altro.

Il medico potrà anche eseguire un esame neurologico per verificare la presenza di:

  • Debolezza muscolare
  • Intorpidimento
  • Riflessi anormali

test di imaging

I raggi X, possono confermare la diagnosi di scoliosi e rivelare la gravità della curvatura della colonna vertebrale. Se un medico sospetta che una condizione di base (come ad esempio un tumore), sta causando la scoliosi, potrà raccomandarvi dei test di imaging aggiuntivi, tra cui:

La risonanza magnetica (MRI). La MRI, utilizza onde radio e un forte campo magnetico per produrre immagini molto dettagliate delle ossa e dei tessuti molli.
La tomografia computerizzata (TAC). La TAC, combina radiografie prese da molte direzioni diverse per produrre immagini più dettagliati di quanto non facciano i raggi-X.
Scintigrafia ossea. La scintigrafia ossea comporta l’iniezione di un materiale radioattivo, che viaggia attraverso le ossa interessate.

Terapia e cura della scoliosi

La maggior parte dei bambini affetti dalla scoliosi presentano curve lievi e probabilmente non avranno bisogno di alcun trattamento. I bambini che hanno la scoliosi lieve, possono avere bisogno di visite di controllo ogni 4-6 mesi per vedere se avvengono dei cambiamenti della curvatura.

La decisione di iniziare il trattamento è sempre fatta su base individuale. I fattori da considerare sono:

Sesso. Le ragazze hanno un rischio molto più elevato di progressione di questa condizione, rispetto ai ragazzi.
Gravità della curvatura. Le curvature più grandi hanno maggiori probabilità di peggiorare con il tempo.
Modello della curvatura. Le doppie curvature, note anche come curve a forma di S, tendono a peggiorare più spesso rispetto alla curvatura a forma di C.
Ubicazione della curvatura. Le curvature situate nella sezione toracia centrale della colonna vertebrale, peggiorano più spesso di quanto non facciano le curve nella parte superiore o inferiore della colonna vertebrale.
Maturità ossea. Se le ossa di un bambino hanno smesso di crescere, il rischio di una progressione della curva della schiena è molto basso. Questo significa anche che questa condizione avrà maggior effetto nei bambini le cui ossa sono ancora in crescita.

Tutore

Se le ossa del bambino sono ancora in fase di crescita e la scoliosi è moderata, il medico potrebbe raccomandare l’uso di un tutore. Indossandolo si impedisce l’ulteriore progressione della curvatura.

La maggior parte dei tutori sono indossati giorno e notte. L’efficacia di un tutore aumenta con il numero di ore al giorno in cui è indossato. I bambini che indossano questi tutori, solitamente possono partecipare alla maggior parte delle attività e hanno poche restrizioni. Se necessario, i bambini possono togliere il tutore per partecipare a sport o ad altre attività fisiche.

L’uso del tutore viene sospeso dopo che le ossa smettono di crescere. Questo si verifica in genere:

  • Circa due anni dopo che le ragazze cominciano ad avere le mestruazioni
  • Quando i ragazzi hanno bisogno di radersi tutti i giorni
  • Quando non ci sono ulteriori cambiamenti di altezza

I tutori sono di due tipi:

Tutore ascellare o tutore di basso profilo. Questo tipo di tutore è realizzato con materiali plastici moderni ed è sagomato per conformarsi al corpo. Chiamato anche un ortesi toracolumbosacrale, questo tutore aderente è quasi invisibile sotto gli abiti, in quanto si adatta sotto le braccia e intorno alla gabbia toracica, nella parte bassa della schiena e sui fianchi.
Tutore milwaukee. Questo tutore, presenta un anello per il collo, una barra piatta nella parte anteriore e due barre piatte nella parte posteriore. Poiché sono più ingombranti, il tutore Milwaukee di solito è usato solo in situazioni in cui un tutore ascellare non è efficace.

Chirurgia

La scoliosi grave progredisce in genere con il tempo, per cui il medico potrebbe suggerire un intervento chirurgico per ridurre la gravità della curva spinale e per evitare che essa peggiori. Il tipo più comune di chirurgia per la scoliosi è chiamata fusione spinale.

Nella fusione spinale, i chirurghi collegano due o più delle ossa della colonna vertebrale (vertebre) insieme, quindi non possono più muoversi indipendentemente. Pezzi di ossa o di un materiale simile all’osso vengono sistemati tra le vertebre. Le aste di metallo, ganci, viti o fili sostengono parte della colonna vertebrale in posizione diritta, mentre il materiale osseo vecchio e quello nuovo si fondono insieme.

La chirurgia è di solito rimandata a dopo che le ossa di un bambino hanno smesso di crescere. Se la scoliosi sta progredendo rapidamente in giovane età, i chirurghi possono installare una canna regolabile in lunghezza a seconda della crescita del bambino. Essa è poi collegata alle sezioni superiore e inferiore della curvatura spinale e di solito viene allungata ogni sei mesi.

Le complicanze della chirurgia spinale possono includere sanguinamento, infezioni, dolore o danni ai nervi. Raramente, l’osso non riesce a guarire e può essere necessario un altro intervento chirurgico.

Rimedi alternativi

Anche se gli esercizi di fisioterapia non possono fermare la scoliosi, l’educazione o la partecipazione a sport può avere il vantaggio di migliorare la salute generale e il benessere.

Gli studi indicano che i seguenti trattamenti per la scoliosi sono inefficaci:

  • Chiropratica
  • Stimolazione elettrica dei muscoli
  • Biofeedback

Bibliografia

  1. Spiegel DA, et al. The spine. In: Kliegman RM, et al. Nelson Textbook of Pediatrics. 19th ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2011. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1608/0.html. Controllato il 29 Luglio 2013.
  2. Scoliosis. National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases. http://www.niams.nih.gov/Health_Info/Scoliosis/default.asp. Controllato il 29 Luglio 2013.
  3. Scheri SA. Clinical features, evaluation and diagnosis of adolescent idiopathic scoliosis. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 29 Luglio 2013.
  4. Thomas MA, et al. Scoliosis and kyphosis. In: Frontera WR, et al. Essentials of Physical Medicine and Rehabilitation: Musculoskeletal Disorders, Pain, and Rehabilitation. 2nd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1678/0.html. Controllato il 29 Luglio 2013.
  5. Scherl SA. Treatment and prognosis of adolescent idiopathic scoliosis. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 29 Luglio 2013.
  6. Neurological diagnostic tests and procedures. National Institute of Neurological Disorders and Stroke. http://www.ninds.nih.gov/disorders/misc/diagnostic_tests.htm. Controllato il 29 Luglio 2013.
  7. General nuclear medicine. American College of Radiology. http://www.radiologyinfo.org/en/info.cfm?PG=gennuclear. Controllato il 29 Luglio 2013.
  8. Mercier LR. Scoliosis. In: Ferri FF. Ferri’s Clinical Advisor 2012: 5 Books in 1. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2012. http://www.mdconsult.com/books/about.do?about=true&eid=4-u1.0-B978-0-323-05611-3..C2009-0-38601-8–TOP&isbn=978-0-323-05611-3&uniqId=291436269-101. Controllato il 29 Luglio 2013.