Sifilide

Sifilide

La sifilide è un’infezione batterica che di solito si sviluppa attraverso il contatto sessuale. La malattia inizia come una dolorosa piaga, situata in genere sui genitali, sul retto o sulla bocca. La sifilide si diffonde da persona a persona attraverso il contatto della pelle o delle mucose affette da queste piaghe.

Dopo l’infezione iniziale, il batterio della sifilide può rimanere inerte nel corpo per decenni prima di diventare nuovamente attivo. La sifilide precoce può essere curata, a volte con una singola iniezione di penicillina. Senza trattamento, la sifilide può danneggiare gravemente il cuore, il cervello o altri organi e può essere pericolosa per la vita.

Tassi di sifilide sono aumentati dal 2000, in particolare tra gli uomini che fanno sesso con altri uomini. Le piaghe genitali associate alle sifilide, possono essere facilmente infettate con l’HIV, il virus che causa l’AIDS.

Sintomi della sifilide

La sifilide è un’infezione batterica che di solito si sviluppa attraverso il contatto sessuale. Questa malattia si sviluppa in più fasi ed i sintomi variano. Le fasi possono sovrapporsi e i sintomi non si verificano sempre nello stesso ordine. Si può essere infettati con la sifilide e non avere alcun sintomo per anni.

Sifilide primaria

Il primo segno della sifilide è una piccola ferita, chiamato ulcera. Essa appare nel punto in cui i batteri sono entrati nel vostro corpo. Mentre la maggior parte delle persone infettate con la sifilide sviluppano solo un ulcera, alcune persone ne sviluppano parecchie. L’ulcera di solito si sviluppa entro tre settimane dopo l’esposizione. Molte persone che hanno la sifilide non notano l’ulcera poiché di solito è indolore e può essere nascosta all’interno della vagina o del retto. L’ulcera guarirà da sola entro sei settimane.

Sifilide secondaria

Nel giro di poche settimane dalla guarigione della ulcera originale, si può verificare una eruzione cutanea che inizia sul tronco e si estende su tutto il corpo, anche sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi. Questa eruzione non è di solito pruriginosa e può essere accompagnata da piaghe simili alle verruche sulla bocca o sulla zona genitale. Alcune persone sperimentano anche dolori muscolari, febbre, mal di gola e gonfiore dei linfonodi. Questi sintomi possono scomparire in poche settimane o più volte andare e venire per tutto il tempo nell’arco di un anno.

Sifilide latente

Se non venite trattati per la sifilide, la malattia si sposta dallo stato secondario allo stato latente, quando cioè, non si hanno sintomi. La fase latente può durare per anni. I sintomi possono non ripresentarsi oppure la malattia progredisce fino alla fase terziaria.

Sifilide terziaria o tardiva

Circa 15 -30% delle persone con un’infezione da sifilide che non ricevono il trattamento svilupperanno complicanze conosciute come sifilide terziaria o tardiva. Nelle ultime fasi, la malattia può danneggiare il cervello, nervi, occhi, cuore, vasi sanguigni, fegato, ossa e articolazioni. Questi problemi possono verificarsi molti anni dopo dall’infezione originale non trattata.

Sifilide congenita

I bambini nati da donne che hanno la sifilide, possono essere infettati attraverso la placenta o durante il parto. La maggior parte dei neonati con la sifilide congenita non hanno sintomi, anche se a volte vis sono casi di rash cutaneo sul palmo delle mani e sulle piante dei loro piedi. Più tardi i sintomi possono includere sordità, deformità dei denti e naso a sella (dove vi è il crollo del naso).

Quando è consigliato vedere un medico

Chiamate il vostro medico se voi o il vostro bambino sperimentate qualsiasi scarico inusuale o un’eruzione cutanea, soprattutto se si verifica nella zona inguinale.

Cause della sifilide

La sifilide è causata da un batterio chiamato Treponema pallidum. La via più comune di trasmissione di questo batterio, è il contatto con una persona infetta durante l’attività sessuale. I batteri entrano nel corpo attraverso piccoli tagli o abrasioni nella vostra pelle o attraverso le mucose. La sifilide è contagiosa durante le sue fasi primarie e secondarie e qualche volta nel periodo di latenza precoce.

Meno comunemente, la sifilide può diffondersi attraverso il contatto non protetto, ad esempio durante il bacio o quando una donna infetta, partorisce un bambino.

La sifilide non può essere diffusa utilizzando la stessa toilette, la vasca da bagno, i vestiti o gli utensili da cucina, piscine o vasche idromassaggio.

Anche se siete stati curati dalla sifilide, potreste diventare nuovamente infetti, se avete contatti con persone affette da questa malattia.

Fattori di rischio

Vi è un aumento del rischio per contrarre la sifilide, se:

  • Avete rapporti sessuali non protetti
  • Fate sesso con partner multipli
  • Se un uomo fa sesso con altri uomini
  • Siete infettati con HIV, il virus che causa l’AIDS

Complicazioni della sifilide

Senza trattamento, la sifilide può provocare danni in tutto il corpo. La sifilide aumenta anche il rischio di avere infezione da HIV e per le donne, può causare problemi durante la gravidanza. Il trattamento può aiutare a prevenire danni futuri, ma non può riparare o invertire il danno che è già avvenuto.

Piccoli urti o tumori

Chiamati gummas, queste bolle dure, possono svilupparsi sulla pelle, ossa, fegato o su qualsiasi altro organo nella fase tardiva della sifilide. I gummas scompaiono dopo il trattamento con gli antibiotici.

Problemi neurologici

La sifilide può causare una serie di problemi con il sistema nervoso, tra cui:

 

  • Meningite
  • Sordità
  • Problemi visivi
  • Demenza

Problemi cardiovascolari

Questi possono includere rigonfiamenti (aneurisma) e l’infiammazione della aorta (l’arteria principale del vostro corpo) e degli altri vasi sanguigni. La sifilide può anche danneggiare le valvole cardiache.

Infezione da HIV

Gli adulti con la sifilide a trasmissione sessuale o con altre ulcere genitali hanno un rischio stimato di due a cinque volte maggiore di contrarre l’HIV. Un ulcera causata dalla sifilide può sanguinare facilmente, fornendo un modo molto semplice per l’HIV di entrare nel flusso sanguigno durante l’attività sessuale.

Complicazioni della gravidanza e del parto

Se siete incinta, potreste passare la sifilide al vostro bambino anche se non è ancora nato. La sifilide congenita, aumenta notevolmente il rischio di morte per aborto spontaneo, per nati morti o la morte del  vostro neonato, pochi giorni dopo la nascita.

Diagnosi della sifilide

La sifilide può essere diagnosticata con test effettuati su campioni di:

Sangue. Gli esami del sangue possono confermare la presenza di anticorpi che il corpo produce per combattere le infezioni. Gli anticorpi contro i batteri che causano la sifilide rimangono nel corpo per anni, permettendo di usare questi test per determinare l’infezione in corso o quelle passate.
Fluido delle piaghe. Il medico può raschiare un piccolo campione di cellule dalle piaghe per analizzarlo al microscopio in un laboratorio. Questo test può essere fatto solo durante la sifilide primaria o secondaria, quando le piaghe sono presenti. La raschiatura può rivelare la presenza di batteri che causano la sifilide.
Esame del liquido cerebrospinale. Se vi è il sospetto di avere complicazioni del sistema nervoso dovute dalla sifilide, il medico può anche suggerirvi la raccolta di un campione di liquido cerebrospinale attraverso una procedura chiamata puntura lombare (rachicentesi).

Terapia e cura della sifilide

Se diagnosticata e trattato nelle sue fasi iniziali, la sifilide è facile da curare. Il trattamento usato per tutti gli stadi è la penicillina, un farmaco antibiotico che può uccidere l’organismo che causa la sifilide. Se siete allergici alla penicillina, il vostro medico vi suggerirà un altro antibiotico.

Una singola iniezione di penicillina può fermare la progressione della malattia se si è stati infettati da meno di un anno. Se avete avuto la sifilide per più di un anno, potrebbero essere necessarie ulteriori dosi.

La penicillina è l’unico trattamento raccomandato per le donne in gravidanza, affette dalla sifilide. Le donne che sono allergiche alla penicillina, possono subire un processo di desensibilizzazione che può permettere loro di prendere questo farmaco. Se siete in trattamento per la sifilide durante la gravidanza, il neonato dovrebbe ricevere un trattamento antibiotico.

Il primo giorno in cui riceverete il trattamento, si può verificare ciò che è noto come la reazione Jarisch-Herxheimer. I sintomi includono febbre, brividi, nausea, dolore e mal di testa. Questa reazione di solito non dura più di un giorno.

Il trattamento di follow-up

Dopo che siete stati trattati per la sifilide, il vostro medico vi chiederà di:

  • Effettuare esami del sangue periodici per assicurarsi che stiate rispondendo bene alla solita dose di penicillina.
  • Evitare il contatto sessuale fino a quando il trattamento è stato completato e le analisi del sangue indicano che l’infezione è stata curata.
  • Comunicare ai vostri partner sessuali il vostro stato di salute, in modo che possano essere testati e ottenere il trattamento, se necessario.
  • Essere testati per l’infezione da HIV.

Prevenzione della sifilide

Per aiutare a prevenire la diffusione della sifilide, seguite questi suggerimenti:

  • L’unico modo per evitare la sifilide è quello di rinunciare a fare sesso. L’opzione migliore è quella di avere rapporti sessuali con un singolo partner.
  • Utilizzate un preservativo in lattice. I preservativi possono ridurre il rischio di contrarre la sifilide.
  • Evitate l’uso delle droghe.

Screening per le donne in gravidanza

Le persone possono essere infettate con la sifilide senza saperlo. I medici raccomandano che tutte le donne incinte vengano sottoposte agli screening per la sifilide.

Bibliografia

  1. Hook EW. Syphilis. In: Goldman L, et al. Cecil Medicine. 23rd ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/218862952-3/0/1492/1185.html#4-u1.0-B978-1-4160-2805-5..50345-1–cesec16_14680. Controllato il 2 Agosto 2013.
  2. Sexually transmitted diseases surveillance, 2008: Syphilis. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/std/stats08/syphilis.htm. Controllato il 2 Agosto 2013.
  3. Birnbaumer DM, et al. Syphilis. In: Marx JA, et al. Rosen’s Emergency Medicine. 7th ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2009. http://www.mdconsult.com/books/page.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-05472-0..00096-7–s0015&isbn=978-0-323-05472-0&sid=1054738467&type=bookPage&sectionEid=4-u1.0-B978-0-323-05472-0..00096-7–s0040&uniqId=218994117-4#4-u1.0-B978-0-323-05472-0..00096-7–s0040. Controllato il 2 Agosto 2013.
  4. Syphilis fact sheet. Centers for Disease Control and Prevention. http://www.cdc.gov/std/syphilis/STDFact-Syphilis.htm. Controllato il 2 Agosto 2013.
  5. Johnson KE. Overview of TORCH infections. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 2 Agosto 2013.
  6. Marra CM. Neurosyphilis. http://www.uptodate.com/home/index.html. Controllato il 2 Agosto 2013.